Juventus, Pirlo potrebbe riproporre la difesa a 3 ma con concetti e meccanismi diversi rispetto a Conte ed Allegri

Niccolò Mariotto
·1 minuto per la lettura

Il suo modulo preferito pare sia il 4-3-3 ma non è da escludere che Andrea Pirlo, neo-allenatore della Juve, possa ricorrere ad altre soluzioni tattiche per i bianconeri: tra queste ci sarebbe anche quella di un possibile ritorno ad una difesa a 3 come già accaduto in passato sotto le gestioni Allegri e Conte.

L'Andrea Pirlo versione allenatore è ancora tutto da scoprire ma si sa che il Maestro ama il possesso palla, il fatto di voler comandare il gioco e che il suo modulo base, come detto, preveda una difesa a 4. Il neo-tecnico della Juventus è però consapevole anche del fatto che nel calcio del giorno d'oggi non si può più ragionare su un solo modulo, le squadre moderne devono avere nelle proprie corde diverse soluzioni tattiche e devono sapersi adattare diversamente di gara in gara in base all'avversario che si ha davanti: per questo motivo oltre al 4-3-3 di base la Vecchia Signora la prossima stagione potrebbe tornare a giocare anche con una difesa a 3.

La suddetta difesa a 3 proposta da Pirlo tuttavia potrebbe essere ben diversa da quella di Allegri e di Conte, negli interpreti e nei meccanismi. Il neo-tecnico starebbe pensando a un uso più coraggioso e moderno dei tre centrali e non è escluso che possa adattare i due terzini tradizionali: l'idea è quella di far avanzare la linea difensiva palla al piede costruendo dal basso, creando occasioni e moltiplicando gli inserimenti offensivi.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Juventus e della Serie A!