Karina Cascella contro la presenza degli influencer al Festival di Venezia

Karina Cascella
Karina Cascella

Anche durante la 79esima edizione della Mostra del cinema di Venezia non sono mancate le polemiche relative alla presenza dagli influencer all’evento. Anche l’ex opinionista di Uomini e donne Karina Cascella ha voluto dire la sua sull’argomento.

Le polemiche per gli influencer al Festival di Venezia

Sono numerosi gli influencer ad avere sfilato sul red carpet di Venezia nel 2022: Giulia Salemi, Beatrice Valli e Paola Turani sono solo alcuni esempi dei volti noti dei social che vengono ricoperti di critiche e offese da parte di chi crede che non abbiano alcun titolo per presenziare a un evento così importante dedicato al cinema.

Karina Cascella: “Per quale motivo dovrei andare al Festival di Venezia?”

Come riportato da Isa e Chia, alcuni fan hanno chiesto a Karina Cascella informazioni su una sua possibile presenza al Festival di Venezia.

“Voglio pubblicarvi uno dei tanti messaggi dove mi si chiede perché non vado o perché non ci sono a Venezia. La realtà è che la domanda è un’altra: per quale motivo dovrei andare a Venezia? Chi sono io per stare lì? Poi ogni anno è sempre peggio. Capisco chi ha uno sponsor e con i social ci può stare… ma il resto? Ma perché vanno cani e porci? Cos’è sta roba? Io, ragazzi, non lo dico per polemizzare”, ha risposto l’ex opinionista di Canale 5.

“Non capirò mai la faccia tosta di alcuni”

“Ne parlo perché credo che sia ridicolo vedere persone che non c’entrano nulla e per di più che non hanno sponsor e non sono state chiamate per lavorare, andare lì e sfilare, senza che i fotografi gli scattino una foto e che addirittura si girino dall’altra parte. Davvero non capirò mai la faccia tosta di alcuni e il senso di questa ‘presenza’ non richiesta. Contenti loro, però di queste figuracce, contenti tutti”, ha spiegato Karina Cascella.

Leggi anche: Jennifer Lawrence rivela il sesso del bebè che ha avuto da Cooke Maroney

Leggi anche: Flavio Briatore, lo sfogo fa discutere: “Mai visto un povero creare posti di lavoro”