Kim chiude al dialogo con gli Usa e riapre il canale con Seul

·3 minuto per la lettura

AGI - Il leader nordcoreano Kim Jong-un respinge l'offerta di dialogo di Washington, ritenendo che non abbia modificato la sua "politica ostile" nei confronti di Pyongyang, sebbene allo stesso tempo abbia promesso di ripristinare la comunicazione con Seul a ottobre per ricucire i legami.

"Come dimostrano chiaramente le azioni degli ultimi otto mesi dopo l'istituzione della nuova amministrazione degli Stati Uniti, la loro minaccia politica e militare ostile contro di noi non è cambiata affatto", ha detto Kim in una sessione parlamentare tenutasi a Pyongyang e pubblicata oggi dall'agenzia statale Kcna. Secondo Kim, il "dialogo senza precondizioni" offerto da Washington è "di facciata per ingannare la comunità internazionale e mascherare le sue ostilità, ed è solo un'estensione della politica ostile portata avanti dalle precedenti amministrazioni statunitensi".

Dopo l'ascesa al potere del presidente Joe Biden a gennaio, gli Stati Uniti hanno insistito per riprendere i colloqui al fine di cercare di riattivare il dialogo sulla denuclearizzazione, bloccato dal fallimento del vertice di Hanoi nel 2019. Il discorso di Kim arriva due giorni dopo che il regime ha testato un nuovo missile ipersonico, il terzo nelle ultime due settimane ed ennesimo capito di una escalation in cui Seoul ha risposto lanciando un proprio missile balistico da un sottomarino e annunciando lo sviluppo di nuove armi.

Kim ha però deciso di appellarsi alla Corea del Sud, con la quale la Corea del Nord è tecnicamente in guerra, e ha annunciato che le comunicazioni telematiche con Seoul, interrotte da agosto, saranno ripristinate ai primi di ottobre per migliorare i rapporti.

A sua volta, come ha fatto sua sorella Kim Yo-jong in una serie di dichiarazioni pubblicate pochi giorni fa, ha a sua volta esortato Seul a cambiare il suo "consueto atteggiamento conflittuale" nei confronti del regime nordcoreano se vuole ricucire i legami.

In tal senso, ha affermato, Seul e Washington "stanno svolgendo attività militari temibili che vanno oltre quanto è consentito, distruggendo la stabilità e l'equilibrio intorno alla penisola coreana". Kim ha assicurato che, per questo motivo, prima di firmare un trattato di pace, come recentemente proposto dal presidente Moon Jae-in all'Onu, "deve essere garantito il rispetto reciproco e il pregiudizio verso l'altro, nonché doppi standard ingiusti e punti di vista ostili".

Dopo una serie di contatti diplomatici nel 2018, le relazioni tra le due Coree si sono raffreddate dal vertice di Hanoi e sono attualmente a un punto morto. Gli Stati Uniti hanno dichiarato di non avere "nessun intento ostile" nei confronti della Corea del Nord e di rimanere aperti all'idea di negoziati, dopo che Kim Jong Un ha definito l'offerta "nient'altro che un piccolo trucco".

Kim ha accusato l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden di perseguire una politica ostile contro la sua nazione dotata di armi nucleari, anche se il governo di Biden si è ripetutamente offerto di incontrare i funzionari nordcoreani senza precondizioni. "Gli Stati Uniti non nutrono intenti ostili nei confronti della Rpdc", ha affermato un portavoce del Dipartimento di Stato in una nota. "La nostra politica richiede un approccio pratico e calibrato che cerchi una diplomazia seria e sostenuta con la RPDC per fare progressi tangibili che aumentino la sicurezza degli Stati Uniti, dei nostri alleati e delle nostre forze schierate".

"Siamo pronti a incontrare la Corea del Nord senza precondizioni. Speriamo che la Corea del Nord risponda positivamente alla nostra sensibilizzazione", ha detto il portavoce, aggiungendo che Washington sostiene la "cooperazione intercoreana" per aiutare la stabilità nella penisola.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli