##Kim entra nell'era post-Trump: nucleare nostra difesa per sempre

Mos
·1 minuto per la lettura

Roma, 28 lug. (askanews) - L'era post-Trump è già iniziata, almeno dal punto di vista particolare della Corea del Nord. Il leader supremo Kim Jong Un oggi, tenendo un solenne discorso di fronte ai veterani della guerra di Corea (1950-1953) nel sessantasettesimo anniversario della firma dell'armistizio, ha riportato i termini diplomatici dell'equazione nucleare a prima del 2018, a prima dei suoi summit col presidente americano: l'arma nucleare - ha spiegato - è garanzia essenziale della sicurezza per la Republica democratica popolare di Corea e chiunque voglia colpire la Corea del Nord "la pagherà cara". Punto. Finita l'epoca delle strette di mano, dei summit, delle ambigue dichiarazioni congiunte con il fumantino presidente Usa arrivato ormai agli ultimi mesi del suo mandato e totalmente incerto sulle sue possibilità di rielezione. La prospettiva per Kim è - se vincesse Joe Biden - di tornare alla snervante politica della pazienza strategica dell'amministrazione Obama, nella quale l'attuale candidato democratico era influente vicepresidente.(Segue)