Kim Jong Un dice che raffozerà la difesa, ma non cita nucleare

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 7 gen. (askanews) - Il leader supremo nordcoreano Kim Jong Un ha ribadito, di fronte all'VIII Congresso del Partito dei lavoratori coreani, l'impegno a rafforzare ulteriormente le capacità militari del paese, ma non ha enfatizzato lo sviluppo dell'arsenale nucleare.

Kim - secondo quanto ha riferito l'agenzia di stampa ufficiale KCNA - ha "chiarito una ferma volontà di proteggere in maniera affidabile la sicurezza del paese e del popolo e il contesto pacifico della costruzione socialista, piazzando le capacità di difesa dello stato a un livello più alto".

Nel precedente congresso del 2016 Kim aveva posto le basi della politica "byongjin", cioè dello sviluppo simultaneo dell'arsenale nucleare e dell'economia. Probabilmente la prudenza con la quale Kim ha trattato la questione rappresenta una porta aperta, mentre gli Stati uniti sono impegnati in una difficile transizione di potere tra la presidenza di Donald Trump - che ha avuto tre summit con Kim, senza che questo abbia portato a un accordo ma che comunque ha suscitato speranze - e Joe Biden, vicepresidente sotto Barack Obama in otto anni in cui la Casa bianca ebbe un approccio di "pazienza strategica" nei confronti della Corea del Nord, che di fatto ha congelato la situazione.

Il numero uno di Pyongyang ha parlato ieri, nel secondo giorno del raro congresso che Kim ha voluto per lanciare il nuovo piano quinquennale. Nel primo giorno il leader ha di fatto ammesso il fallimento nel raggiungere gli obiettivi del precedente piano quinquennale - promosso con il VII Congresso nel 2016 - che puntano all'autosufficienza (l'ideologia di stato nordcoreana, teorizzata dal nonno del leader attuale Kim Il Sung e articolata dal padre Kim Jong Il, vuol dire proprio questo).

Il Congresso del partito unico nordcoreano dovrebbe continuare per alcuni giorni. Si tratta della terza massima assise del partito in 40 anni e il secondo convocato da Kim Jong Un. L'ultimo svolto in precedenza si è tenuto nel 1980. Negli ultimi anni del potere di Kim Il Sung e per tutto il regno di Kim Jong Il il Congresso non fu convocato.

Tra i motivi di attesa in questo congresso è anche capire quali sono i nomi che contano oggi nella struttura del potere nordcoreano, a partire dal ruolo della sorella minore del leader, Kim Yo Jong. Ci si chiede, in particolare, se verrà promossa dal suo attuale ruolo di membro a rotazione del Politburo del Comitato centrale del Partito.