"Kirk Douglas aggredì 'sessualmente' mia sorella Natalie Wood"

·1 minuto per la lettura

Kirk Douglas avrebbe aggredito “sessualmente” Natalie Wood quando l’attrice era ancora un’adolescente. Lo rivela la sorella minore, Lana, nel suo libro di memorie ‘Little Sister’, secondo cui l’aggressione sarebbe avvenuta nell’estate del ‘55, nell’hotel Chateau Marmont, durante un incontro fra il trentenne e già famoso interprete di Spartacus e la sedicenne attrice in cerca di affermazione nel mondo del cinema.

“Mi sembrò essere passato molto tempo, prima che Natalie tornasse in macchina – racconta Lana Wood, che all’epoca aveva 8 anni e assieme alla madre era rimasta in attesa della sorella fuori dall’hotel - Mi svegliò sbattendo la portiera. Sembrava sconvolta. Era spettinata e molto turbata, e lei e la mamma iniziarono a sussurrarsi delle parole, senza che io capissi cosa si stessero dicendo. Apparentemente era successo qualcosa di brutto a mia sorella, ma qualunque cosa fosse, a quanto pare ero troppo giovane perché mi venisse raccontata". Lana Wood scrive che Natalie non le disse per anni cosa successe nella suite del signor Douglas da cui, le raccontò, di “essere stata ferita”. Afferma inoltre che sua sorella e la loro madre fossero d'accordo sul fatto che accusare pubblicamente la star di Hollywood di averla aggredita avrebbe rovinato la carriera di Natalie.

Natalie Wood morì in circostanze misteriose nel novembre 1981 annegando durante una gita in barca all'isola di Santa Catalina in California. Inizialmente giudicato come un incidente, la causa di morte dell’attrice è stata cambiata nel 2012 in "annegamento e altri fattori indeterminati". Il marito di Wood all'epoca, Robert Wagner, è stato indicato come sospetto dalla polizia nel 2018 e Lana Wood è tra coloro che lo ritengono responsabile della morte di Natalie.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli