Kledi Kadiu: "Danzerò per i terremotati"

webinfo@adnkronos.com

"Dovevo partire per Tirana per tenere uno stage di danza. Ho dovuto annullare tutto all'ultimo momento. Ma ho solo rimandato l'appuntamento. E quando sarà, spero prestissimo, il ricavato delle mie lezioni sarà interamente devoluto al mio Paese". Il danzatore e coreografo di origine albanese Kledi Kadiu ha annunciato così all'Adnkronos il suo impegno a favore delle popolazioni colpite dal terremoto.  

"Da alcuni anni vivo con la mia famiglia a Rimini - ha aggiunto -. Ho sentito il terremoto anche a casa mia. Mi sono svegliato di soprassalto e ho chiamato immediatamente i miei genitori che vivono a Tirana. La città dista solo 30 chilometri da Durazzo. Stanno bene, ma la paura è stata enorme. Molte persone, da ore, vivono per strada per timore di nuove scosse"."I miei genitori mi hanno confermato che Durazzo è stata duramente colpita. Distrutta per quasi la metà. E' una situazione spaventosa - ha proseguito - Quello che è accaduto sembra quasi un fenomeno contro natura. Si tratta di fenomeni non previsti e per questo non governabili".