Kristen Stewart: "Etichettata 'sgualdrina' ho perso il ruolo di Biancaneve. Hollywood si fonda sulla paura"

HuffPost
Kristen Stewart

“Sono stata crocifissa e sono stata definita una sgualdrina: per questo ho perso il ruolo nel sequel di Biancaneve e il cacciatore. L’industria di Hollywood è fondata sulla paura”. A rivelarlo è Kristen Stewart che, ospite dell’Howard Stern Show, è tornata a parlare delle difficoltà incontrate dopo che, nel 2012, i media diffusero foto che la ritraevano in atteggiamenti affettuosi col regista Rupert Sanders. Ai tempi, la giovane artista era fidanzata col collega Robert Pattinson. 

Sanders aveva appena concluso le riprese di Biancaneve e il cacciatore, film di cui la Stewart era protagonista. I baci tra lui e l’attrice fecero molto discutere, sia per i loro 21 anni di differenza che per il fatto che entrambi erano impegnati: l’attrice e Pattinson facevano coppia fissa, mentre Sanders era sposato. 

“Non ci sono andata a letto. Questa è l’intervista più onesta di sempre. Se l’avessi detto all’epoca chi mi avrebbe creduto? Non mi ero innamorata di lui:  volevo sposare Robert Pattinson”, ha spiegato l’attrice.

La pubblicazione delle foto costò a Kristen Stewart non solo la fine del fidanzamento col collega conosciuto sul set di Twilight, ma anche il ruolo nel seguito di Biancaneve e il cacciatore: “Dovevano farmi fare quel film! Ero davvero giovane, non sapevo come gestire la situazione. Ho fatto degli errori, ma questi sono solo affari miei”.

“Il mio lavoro è stato ignorato da un gruppo di adulti che avrebbero dovuto guidare gli studios e fare cinema. L’industria di Hollywood è basata sulla paura. Credo che siano degli idioti, perché se prendi qualche rischio e fai qualcosa di buono, verrai ripagato”, ha aggiunto Kristen Stewart.

Leggi anche...

Continua a leggere su HuffPost