Kuwait, raffineria di petrolio in fiamme: società vieta sospensione dei lavori

·2 minuto per la lettura
Kuwait
Kuwait

In Kuwait, è divampato un incendio di vaste dimensioni presso la raffineria di petrolio di Mina al-Ahmadi. Il fenomeno ha provocato il ferimento di diversi lavoratori ma la direzione dell’impianto ha escluso ogni sorta di sospensione delle attività.

Kuwait, incendio nella raffineria di petrolio di Mina al-Ahmadi: l’incidente

Nella giornata di lunedì 18 ottobre, un incendio di ingenti proporzioni è divampato nella raffineria di petrolio di Mina al-Ahmadi, in Kuwait. Le fiamme hanno ferito molti dipendenti presenti all’interno della fabbrica ma la direzione del sito ha ordinato ai lavatori di non interrompere le rispettive mansioni.

In merito al rogo, si è espressa la Kuwait National Petroleum Company (KNPC) ha dichiarato che l’incendio era isolato e che soltanto un piccolo numero di operai ha subito lesioni considerate minori.

L’evento è stato commentato attraverso la tv di Stato dal vicecapo esecutivo della KNPC ed è stato rivelato che la piena operatività della raffineria di petrolio sarebbe stata ripristinata entro poche ore dall’incidente.

Kuwait, incendio nella raffineria di petrolio di Mina al-Ahmadi: la KNPC

La KNPC, inoltre, ha postato un messaggio sul suo account Twitter attraverso il quale ha spiegato: “Le operazioni di raffineria e di esportazione non sono state colpite e non c’è stato alcun impatto sulle operazioni di marketing locale e sulle forniture al ministero dell’elettricità e dell’acqua”.

Il mese scorso, KNPC aveva annunciato di aver iniziato a lavorare a pieno regime per espandere la capacità di raffinazione del petrolio, manifestando la propria determinazione nel produrre carburante a basse emissioni. La raffineria Mina al-Ahmadi produce circa 346.000 barili al giorno.

Il Kuwait, una nazione che ospita 4,1 milioni di persone, possiede la sesta più grande riserva di petrolio al mondo. La raffineria Mina al-Ahmadi, invece, occupa un’area pari a 10,5 chilometri quadrati ed è entrata in funzione nel 1949.

Kuwait, incendio nella raffineria di petrolio di Mina al-Ahmadi: diversi lavoratori feriti

Per quanto riguarda l’incendio, è stato precisato che le fiamme si sono originate presso l‘unità di desolforazione dei residui atmosferici (ARDS): il luogo è stato prontamente isolato e l’incendio è stato rapidamente isolato e domato.

In relazione ai feriti, la KNPC ha spiegato che i lavoratori hanno ricevuto il primo soccorso sul posto oppure sono stati trasportati in un ospedale e vertono in “condizioni stabili”. Alcuni di essi hanno riportato ustioni lievi e problemi per l’inalazione di fumo.

Intanto, i cittadini che risiedono nel distretto costiero di Fahaheel del Kuwait presso il quale si trova la raffineria di petrolio Mina al-Ahmadi hanno riferito di aver sentito una grande esplosione e hanno condiviso sui social media numerosi video che mostrano un fumo denso e nero che si diffonde sull’autostrada.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli