L’84enne Loretta era stata condotta in carcere per aver accoltellato il marito durante una lite

La bellissima Sofia Loren
La bellissima Sofia Loren

Forse si è aperto uno spiraglio per la sarta di Sofia Loren che il 9 agosto era stata arrestata a Roma e condotta in carcere a Rebibbia malgrado abbia 84 anni. Il Corriere della Sera aveva spiegato che  Loretta,  ex sarta che “in passato ha cucito abiti anche per Sofia Loren e Marcello Mastroianni” era stata condotta in carcere per aver accoltellato il marito durante una lite. A dare menzione dello sviluppo du quella detenzione tutto sommato irrituale a contare l’anagrafe è stata colei che più si è battuta per la situazione della donna: Gabriella Stramaccioni, Garante dei detenuti del Comune di Roma.

Ex sarta di Sofia Loren arrestata a Roma

Ha scritto stamattina, 16 agosto, la Stramaccioni sui social: “Grazie a Suor Maria Pia e Suor Salomè è stata trovata l’accoglienza per Loretta, la signora di 84 anni portata a Rebibbia in questi giorni. Questa mattina inoltriamo disponibilità al Magistrato sperando si possa risolvere  velocemente questa assurda vicenda”. La Stramaccioni aveva diffuso il racconto di Loretta: “Io parlavo, parlavo, mio marito mi diceva di smettere, ma io continuavo e lui ha cominciato a picchiarmi”. La vittima dell’accoltellamento non sarebbe in pericolo di vita. Loretta invece, non avendo un posto dove scontare i domiciliari su disposizione del Gip era stata condotta in carcere.

La decisione del Gip dopo le coltellate

Aveva scritto la Stramaccioni su Facebook: “C’è attesa per la visita del capo del Dap. Fra i vari incontri di questa mattina mi ha colpito quello con Loretta all’infermeria del femminile. Loretta ha 84 anni ed è stata portata in questi giorni. Prelevata dalla sua casa in pigiama senza la possibilità di prendere nulla. Neanche la dentiera. Certo, forse in quel momento non vi erano alternative, ma le alternative vanno pensate a costruite”.