L’Agenzia di tutela della salute parla di dati stabili in merito al trend delle classi e dei casi

·2 minuto per la lettura
I dati dell'Ats sulla città metropolitana di Milano sono stabili
I dati dell'Ats sulla città metropolitana di Milano sono stabili

Covid a scuola, l’Ats della Città Metropolitana di Milano snocciola i dati: sono stati censiti 130 tamponi positivi e 86 classi totali sono state isolate nelle province di Milano e Lodi. L’Agenzia di tutela della salute parla di dati stabili in merito al trend delle classi e dei casi censiti e indica i parametri temporali di valutazione, eccoli: tra il 27 settembre e il 3 ottobre 2021, l’Ats ha ricevuto segnalazioni di 130 casi di tamponi positivi al Sars-CoV-2 nelle scuole delle province di Milano e Lodi.

Covid a scuola ed Ats di Milano: i dati ed il raffronto con quelli della settimana precedente

La settimana scorsa, dopo il solito ed accurato censimento in ambito della scuola, i casi erano 132. E i numeri che l’Ats ha incasellato sono stati anche ripartiti per categorie: in tutto si tratta di 113 alunni e 17 operatori. Ecco poi le “sottocategorie” in cui sono stati individuati i casi covid: di essi 4 sono del Nido, 19 della scuola dell’infanzia, 54 della scuola primaria, 20 della secondaria di primo grado e 33 di quella di secondo grado. Poi c’è il tema delle classi poste in isolamento precauzionale dopo l’individuazione al loro interno di casi di positività al coronavirus.

Le classi isolate per Covid e il focus sulla scuola dell’Ats di Milano: numeri in leggero calo

A fronte di un numero totale di 86 anche qui ci sono sotto categorie di intervento e di utilità statistica: 17 tra nido e scuola dell’infanzia, 30 della scuola primaria, 16 della scuola secondaria di primo grado e 23 di quella di secondo grado. A voler fare un mero totale matematico in rubrica dell’Ats milanese ci sono 2.072 persone isolate. Attenzione, la scorsa settimana i casi totali erano 2.195. Di questi 2.007 alunni e 65 operatori. Sulla mera questione numerica si innestano poi le questioni di criterio e di opinione su come affrontare le positività in ambiente scolastico. Il comitato “A scuola” ad esempio chiede tamponi salivari per evitare quarantene generalizzate. Proprio i suoi membri avevano messo in atto un presidio davanti al “Pirellone” lo scorso 21 settembre.

Non solo i dati dell’Ats di Milano, ma anche le richieste del comitato “A Scuola” sui tamponi Covid

Lo scopo? Dire “basta alle quarantene per gli studenti”. Il parere dei manifestanti è abbastanza chiaro, ancorché per alcuni opinabile: non sarebbe giusto che a fronte di un contatto positivo “la classe intera venga sottoposta alla quarantena, costringendo alla didattica a distanza”. Lo aveva ribadito anche la vicepresidente Lisa Jucca con alcune dichiarazioni rilasciate a Fanpage.it: “Non possono essere considerati contatti stretti perché portano la mascherina a scuola e non dovrebbero quindi essere soggetti a quarantena”. Ad ogni modo il Consiglio regionale aveva approvato una mozione per l’utilizzo dei tamponi salivari per il monitoraggio nelle classi e per scongiurare quarantene indiscriminate.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli