L’ambasciatore americano all’Ue è stato accusato di molestie sessuali

mbasciatore americano Ue accusato molestie

L’ambasciatore americano all’Ue Gordon Sondland è stato accusato da tre donne di molestie sessuali nei loro confronti. L’uomo è un ricco proprietario di una catena di alberghi è uno dei principali testimoni dell’inchiesta sull’impeachment di Donald Trump.

Ambasciatore americano Ue accusato di molestie

Secondo l’accusa, una delle due donne, Nicole Vogel, avrebbe detto di voler investire nella sua società durante un invito a cena. Dopo averla portata in una stanza d’hotel e tentato un approccio da lei respinto, si sarebbe però rifiutato di concretizzare l’investimento promesso.

Lo stesso sarebbe accaduto per un’altra collaboratrice, Jana Solis, lavoratrice in una società assicurativa che vendeva polizze per ristoranti e hotel. In occasione di un pranzo di lavoro l’uomo avrebbe manifestato la volontà di diventare suo cliente. Dopodiché l’avrebbe portata a casa sua e, dopo essersi allontanato dicendo di dover usare il bagno, si sarebbe presentato nudo davanti a lei che, sconvolta, sarebbe andata via. Successivamente l’avrebbe anche baciata contro la sua volontà. A distanza di pochi giorni avrebbe poi rinunciato ad acquistare una polizza ritirando l’impegno preso.

Con la terza, la 27enne Natalie Sept, avrebbe parlato di progetti e opportunità di sviluppo immobiliare a Portland. In seguito l’avrebbe invitata a cena offrendosi di riaccompagnarla in macchina, proposta che lei, imbarazzata, rifiutò decidendo di tornare a casa. Sondland avrebbe anche tentato di baciarla e, dopo quell’incontro, nessuno dei progetti discussi si sarebbe concretizzato.

L’ambasciatore ha negato tutto e definito ciò un attacco falso, privo di fondamento e coordinato per motivi politici. Il suo stesso avvocato, Jim McDermott, ha detto che un attacco del genere avvenuto proprio durane l’inchiesta su Trump potrebbe considerarsi “una forma velata di intimidazione di testimoni“. Le accuse giungono infatti a pochi giorni di distanza dalla sua dichiarazione secondo cui il Presidente avrebbe fatto pressione sul governo ucraino affinché screditasse il suo avversario Joe Biden.