L’analisi dei costi dell’energia alla luce di pandemia di ieri, guerra di oggi ed inflazione di domani

Diffusi i risultati sul rapport Coop 2022
Diffusi i risultati sul rapport Coop 2022

Il rapporto Coop 2022 è inflessibile: entro Natale una famiglia italiana su tre pagherà le bollette a fatica. L’analisi dei costi dell’energia alla luce di pandemia di ieri, guerra di oggi ed inflazione di domani disegna uno scenario poco confortante. Il conto del caro vita più salato e per i nuclei monoreddito. E il Rapporto Coop 2022 sui consumi e gli stili di vita degli italiani, presentato a Milano questo scopo ha: effettuare un’indagine sulla risposta delle famiglie alla crisi attuale.

Rapporto Coop 2022 e “Natale nero”

Dominano i rincari nel comparto energia come elemento di preoccupazione: il 15% degli italiani si dichiara già in difficoltà oggi ad affrontare la spesa. Poi c’è un 17% che lo sarà entro fine anno. E la spesa media delle famiglie per le bollette? Dai 110 ai 560 euro per le utenze elettriche e da 990 a 1700 per quelle del gas il passo è stato breve ma non indolore. Le spese domestiche incidono per il 38% sul totale di quelle delle famiglie, un aumento del 32%.

Cosa non si compra quasi più

Sulle spese quotidiane il 57% del campione è in difficoltà a pagare l’affitto, il 26% “pensa di sospendere o rinviare il pagamento”. Il 68% dei cittadini ha già iniziato a risparmiare sulle spese severe ma non serve: non si comprano quasi più auto, elettrodomestici o una nuova casa ma non aiuta. Il settore del cibo pere tenga ancora ma diminuiranno pranzi e cene fuori casa: un italiano su tre risparmierà in questo senso. In calo anche le spese per l’abbigliamento (31%) e l’intrattenimento come cinema e teatro (27%).  E ancora, il 33% dichiara che rinvierà l’acquisto di viaggi e vacanze, il 32% di prodotti tecnologici e il 30% di mobili e arredamento per la casa.