L’annuncio del presidente del Veneto Zaia che invoca la pace contro tutte le atrocità del conflitto

·1 minuto per la lettura
Il volo che ha portato il bimbo ucraino in Veneto
Il volo che ha portato il bimbo ucraino in Veneto

Ha la scheggia di una bomba a frammentazione conficcate nel torace un bimbo ucraino che è stato ricoverato a Padova d’urgenza e che necessità di cure meticolose e tempestive, l’annuncio del suo calvario lo ha dato il presidente del Veneto Luca Zaia che invoca la pace contro tutte le atrocità del conflitto, atrocità di cui la vicenda del bimbo è una delle tante.

L’odissea del bimbo ucraino ricoverato a Padova

Il bambino ucraino in questione ha solo 10 anni e dopo essere giunto in Italia con un aereo della Guardia costiera è stato ricoverato all’Ospedale di Padova per delle ferite provocate dalle schegge di una bomba esplosa durante la guerra in Ucraina. E il governatore del Veneto Luca Zaia, nel dare la notizia, non ha saputo trattenere rabbia e indignazione. Ecco le sue parole: “È arrivato oggi dall’Ucraina ed è stato ricoverato a Padova un bimbo di poco più di 10 anni con una scheggia di bomba nel torace”.

“Intollerabile ricoverare un bimbo per una bomba”

Poi Zaia afferma con amarezza: “Di fronte a certe atrocità, che non avremmo mai pensato di vedere nel 2022, l’unica cosa che serve è la pace, perché è intollerabile ricoverare in ospedale un bambino colpito da una bomba“. Il bambino è arrivato insieme al padre. L’uomo, secondo i media, soffre di una forte forma di disturbo da stress post traumatico, probabilmente innescato da ciò che ha visto e subito in patria o dal fatto che è stato quasi certamente un combattente sul campo.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli