L'Eredità, la gaffe della concorrente sulle Fosse Ardeatine

Durante gli show televisivi a quiz vengono spesso fuori alcune gaffe veramente incredibili che fanno riflettere sull’effettiva preparazione dei concorrenti. Talvolta si tratta soltanto di lapsus momentanei, altre di vere e proprie lacune culturali. Ma quello che è successo stavolta a L’Eredità ha quasi dell’incredibile

'Ignoranza pura', Fabrizio Frizzi umiliato: ecco le parole sul conduttore de L'Eredità

Durante il quiz di Rai Uno si è difatti sentita un’imbarazzante risposta su un pezzo importante della storia italiana… Di cosa si sarà trattato?

Domanda Fosse Ardeatine: la gaffe a L’Eredità

Durante il gioco de I Fantastici Quattro, il pubblico in studio deve associare ogni evento all’anno esatto nel quale esso è avvenuto. Sembra tutto molto semplice, se non fosse che la concorrente Elisabetta abbia sbagliato di gran lunga una risposta che a prima vista sembrava abbastanza facile.

La domanda propostale da Fabrizio Frizzi riguardava infatti l’anno dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Tra il 1944, il 1959, il 1971 e il 1991 la ragazza ha malauguratamente scelto la terza opzione, causando subito un incessante vocio sul web…

Domanda Fosse Ardeatine sbagliata a L’Eredità: il web insorge

Basta infatti sfogliare un po’ Twitter per rendersi conto del fatto che gli utenti del social network cinguettante se la siano presa in massa proprio contro Elisabetta e la sua “fantasiosa reinvenzione” della storia italiana durante la Seconda Guerra Mondiale.

C’è chi si rivolge a lei citando Sgarbi e il suo proverbiale Capra! Capra! Capra!” e c’è chi invece si chiede con una certa ironia se i nazisti artefici dell’eccidio nel frattempo, nel 1971, non ascoltassero forse i Led Zeppelin… Qualcun altro mette invece sotto accusa l’intero sistema educativo italiano, reo di non saper comunicare ai giovani il valore e l’importanza di certi avvenimenti storici…

L’erroraccio della povera concorrente del quiz, dunque, non ha lasciato indifferente proprio nessuno. Che sia anche questo un modo per rinfrescare un po’ la memoria storica del pubblico televisivo italiano?