L'Eurozona rallenta, ma l'Italia di pi羅. Ultimi sul Pil, tagliate le stime di crescita: pesa l'incertezza politica

Huffington Post

La zona euro crescer� meno, l'Italia frena e resta ultima nella classifica della crescita. Sono poche le notizie positive per il Vecchio Continente e per il Belpaese nelle previsioni della Commissione Ue.

Bruxelles ha ridotto la stima di crescita del Pil dell'Eurozona dal 2,3% previsto a inizio maggio a 2,1% per il 2018 e confermato il 2% per il 2019. Nella Ue la revisione al ribasso 癡 stata di 0,2 punti percentuali: 2,3% invece di 2,5% nel 2018, 2,1% invece di 2,2% nel 2019. La Germania crescer� dell'1,9% in tutti e due gli anni, la Francia dell'1,7%, la Spagna del 2,8% quest'anno e del 2,4% l'anno prossimo. Stabile la Grecia all'1,9% e al 2,3% rispettivamente. Il Regno Unito in discesa rispetto alle stime precedenti: a 1,3% nel 2018 e a 1,2% nel 2019.

In fondo alla classifica troviamo l'Italia. Bruxelles stima un aumento del Pil quest'anno del 1,3%, l'anno prossimo dell'1,1%. Una revisione al ribasso rispetto alle precedenti previsioni, rispettivamente +1,5% e +1,2%. Lo scarto rispetto al tasso di crescita della zona euro 癡 di 0,8 punti percentuali nel 2018 e 0,9 nel 2019. Si tratta sempre del ritmo di crescita pi羅 basso di tutta la Ue a parit� con il Regno Unito quest'anno e in esclusiva il prossimo anno. Le ultime previsioni del Governo (rilasciate a fine aprile 2018) a politiche invariate indicavano +1,5% nel 2018 e +1,4% nel 2019.

"I rischi al ribasso sulle prospettive di crescita sono diventati pi羅 rilevanti nell'accresciuta incertezza globale e della politica interna" scrive la Commissione europea nel rapporto. "A livello interno, qualsiasi rinnovata preoccupazione o incertezza sulle politiche economiche e il possibile trasferimento di rendimenti sovrani pi羅 alti ai costi finanziari delle imprese - 癡 scritto ancora nel rapporto di previsione - potrebbe peggiorare le condizioni di finanziamento e indebolire la domanda interna".

La domanda interna rester� il principale motore di crescita in un contesto esterno difficile, scrive la...

Continua a leggere su HuffPost