L’arcivescovo Delpini: l’indifferenza crea una gelida solitudine

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 gen. (askanews) - "C'è gente che si difende con l'indifferenza. Ecco come si costruisce la pace: ciascuno a casa sua. Estraniarsi, stare distanti, non immischiarsi nella vita altrui. L'indifferenza trasforma il pianeta in una gelida solitudine, lascia che i prepotenti saccheggino le risorse e i poveri siano consegnati alla disperazione". E' un passaggio dell'omelia che monsignor Mario Delpini, arcivescovo di Milano, ha pronunciato nella messa di capodanno.

La pace vera, secondo Delpini, è quella "coltivata nella contemplazione", sull'esempio di Maria, "la madre, modello per la Chiesa e per ogni persona credente, che riceve l'annuncio e lo custodisce come un seme da coltivare nel cuore". In questo modo, "le relazioni tra le persone diventano comunione e generano quella cultura del prendersi cura che trasforma l'umanità nella fraternità", ha aggiunto l'arcivescovo con un evidente riferimento al Messaggio di papa Francesco per la Giornata mondiale della Pace .