L’effetto voto rimbalza sul gradimento degli italiani: oggi Enrico Letta guida una forza di vertice

·1 minuto per la lettura
Enrico Letta mentre vota
Enrico Letta mentre vota

Dopo le elezioni comunali i sondaggi politici consegnano uno scenario “rivoluzionato”, con il Pd che supera FdI e diventa il primo partito italiano e con Enrico Letta che a tutti gli effetti guida la forza traino del governo Draghi. I numeri del sondaggio di BiDIMedia realizzato nei primi giorni di ottobre sulle intenzioni di voto degli italiani sono in perfetto endorsement con l’esito del primo turno delle amministrative del 3 e 4 ottobre: il PD è il primo partito in Italia, seguito da Fratelli d’Italia e dalla Lega.

Sondaggi: il Pd supera FdI e si attesta al 20,6%, emorragia nel Carroccio

I Dem accelerano rispetto ad un trend già in atto e raggiungono il 20,6%, superano di un punto il partito di Giorgia Meloni e passano in testa. Fratelli d’Italia resta comunque ai vertici della coalizione di centrodestra al 19,6%. Calo drastico per la Lega di Matteo Salvini, che si contrae al 19,3%, più di un punto sotto l’alleata Meloni.

Il Pd supera FdI, lo dicono i sondaggi di BiDIMedia: paradosso Cinquestelle

C’è un paradosso rispetto al dato mainstream: il Movimento 5 Stelle registrerebbe una crescita, dato che nelle intenzioni di voto degli italiani, sarebbe il quarto partito in Italia con il 16,3%, seguito da Forza Italia, ormai da tempo stabile (o immobile, dipende dalle prospettive) al 6,8%.

Fra il Pd che supera FdI e i sondaggi sulla linea “incerta” della Lega il vero vincitore è Draghi

BiDIMedia certifica inoltre altri due dati: l’atteggiamento poco chiaro del Carroccio in senso all’esecutivo Draghi e in materia di Green Pass non ha pagato e il premier è probabilmente il solo vero vincitore indiretto di questo importante test elettorale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli