L.elettorale: Calderoli, 'Di Maio per proporzionale perchè sa di non vincere'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 16 dic. (Adnkronos) – "Posso anche comprendere che tutti coloro che sono realisticamente consapevoli di andare verso una sconfitta, quando finalmente si tornerà a votare, sapendo di non poter puntare ad avere una maggioranza assoluta, vogliano una legge proporzionale con uno sbarramento alto, come il 5% propugnato oggi dal ministro Luigi Di Maio". Così Roberto Calderoli della Lega.

"Comprendo il loro ragionamento politico, la loro necessità con uno sbarramento alto di tirarsi dietro ‘i cespugli’, magari garantendogli un diritto di tribuna, sperando in questo modo di non rinunciare alla possibilità di andare al Governo, pur sapendo di non potersi evitare la sconfitta alle urne".

"Io però sono ancora più convinto, proprio per la situazione che stiamo vivendo, dell’assoluta necessità che ci sia uno schieramento politico che vinca le prossime elezioni e uno che le perda, ma per questo serve una legge elettorale nazionale maggioritaria, utilizzando il modello già collaudato delle Regioni, un modello che ha funzionato e funziona da tanti anni, permettendo ai governatori che hanno vinto di poter governare per cinque anni. Per cui trasferiamo il modello elettorale delle Regioni a livello nazionale, con un maggioritario per cui chi vince poi governa per cinque anni e chi perde fa l’opposizione".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli