L.elettorale: partito Insieme, 'chiediamo confronto su proporzionale con segretari partiti'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 20 apr. (Adnkronos) – Il partito Insieme ha scritto ai segretari di tutti i partiti presenti in Parlamento e ai rappresentanti di altre organizzazioni politiche "per l’avvio di un confronto sulla possibile adozione di una legge elettorale proporzionale che permetta di rispondere alla grave crisi in cui si dibatte il nostro sistema politico". Lo scrive in un comunicato il partito Insieme che spiega: "Si tratta soprattutto di fare sì che, a partire dalla consultazione politica del prossimo anno, gli italiani siano posti nella condizione di poter concorrere più efficacemente ad orientare gli sviluppi della vita politica e civile del nostro Paese".

"Insieme ritiene che, anche al fine di superare il diffuso fenomeno dell’astensionismo, si permetta ad ogni elettore di orientare la propria espressione di voto nei confronti delle singole forze e delle specifiche culture politiche di cui ciascuna è rappresentativa, piuttosto che nei confronti di schieramenti precostituiti – si legge – Insieme nel proprio messaggio indirizzato agli altri partiti richiama la necessità che, concordemente, si compia uno sforzo diretto a rafforzare, motivare e fortemente legittimare la rappresentanza parlamentare. Nella consapevolezza che da questa discendono le condizioni di una reale governabilità la quale, al contrario, non può essere ottenuta a scapito di una chiara e limpida rappresentanza della pluralità ideale, culturale e politica delle forze che concorrono ad arricchire il pluralismo del nostro Paese".

La richiesta per un incontro da parte di Insieme è stata inviata, tra gli altri, a Giuseppe Conte, Matteo Salvini e Matteo Renzi, Giorgia Meloni, Enrico Letta, Carlo Calenda, Lorenzo Cesa, Giuseppe Gargani.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli