L.elettorale, De Petris (LeU): su soglia 5% daremo battaglia

Lsa

Roma, 8 gen. (askanews) - La proposta di riforma delle legge elettoale annunciata dal presidente della Commissione affari costituzionali della Camera, Giuseppe Brescia, con una soglia di sbarramento al 5% non piace a Liberi e Uguali. "Sulla soglia del 5% daremo battaglia - dice Loredana De Petris, senatrice Leu -. Innalzare la soglia di sbarramento ad una percentuale mai vista in Italia significa infliggere un colpo letale alla rappresentanza sia politica che territoriale. Il sistema simil spagnolo sarebbe più flessibile e garantirebbe un maggior pluralismo, mentre l'escamotage del cosiddetto 'diritto di tribuna' non risolve il problema. Del resto è sin troppo evidente come la frammentazione del sistema politico italiano non sia determinata dai sistemi elettorali ma dalle scissioni che puntualmente si moltiplicano dopo le elezioni". "Le leggi elettorali - prosegue De Petris - entrano in Parlamento in un modo e poi spesso cambiano. Ma è bene sapere da subito che un sistema con soglia del 5% in Senato non avrebbe i numeri. E' un grave errore non aver ricercato con maggiore pazienza l'intesa nella maggioranza, scegliendo invece una forzatura sulla base, evidentemente, dell'accordo tra Zingaretti e Di Maio sulla soglia al 5%. Ma le forzature, in una materia così importante e delicata, non hanno mai portato bene".