L.elettorale, 'Politica insieme': proporzionale subito

Pol

Roma, 2 ott. (askanews) - Fare subito la nuova legge elettorale, e farla in senso proporzionale. Lo chiede 'Politica Insieme', l'associazione che sta lavorando per creare una presenza unitaria dei cattolici in politica.

"La maggioranza di un governo che nemmeno chi lo sostiene sa quanto reggerà si prepara a sovrintendere ad un taglio di bisturi costituzionale", sottolinea in un comunicato. "Il voto definitivo sulla sforbiciata ai parlamentari arriverà il 7 ottobre. Sarebbe opportuno che l'8 si presentasse ad uno di due rami del Parlamento, come previsto dagli accordi di governo, la riforma della legge elettorale. In senso proporzionale, sia chiaro".

"Il maggioritario ha tra le altre una insormontabile controindicazione: spacca a metà il Paese. Guelfi e ghibellini. Abbiamo bisogno invece - soprattutto ora che incombe una recessione globale con annesse decisioni difficili da prendere - di una legge elettorale che permetta una piena identificazione tra elettori e parlamentari", prosegue 'Politica Insieme'.

"Senza pensare che il maggioritario, o quel suo parente prossimo che è il doppio turno alla francese, ormai stanno andando in soffitta. Macron vuole eliminare il secondo. Quanto al primo, basta leggere cosa scrive in questi giorni l'Economist,: 'Gli elettori presto saranno chiamati a compiere una scelta ben poco digesta tra due leader inadeguati: Johnson e Corbyn. E con il sistema del collegio uninominale ci vorrebbe un terremoto per evitare che uno dei due divenga primo ministro'".

"Siamo sicuri che la soluzione sia buttarci a capofitto in un dilemma del genere? Si faccia la proporzionale e la si faccia subito, per favore", conclude l'associazione.