L’ex capo del gip Vincenti si è suicidato gettandosi dal balcone

Cesare Vincenti suicida

Dramma a Palermo, dove l’ex capo del gip cesare Vincenti è morto suicida lanciandosi dal balcone della sua abitazione. La tragedia è avvenuta intorno alle 12:00 di oggi, giovedì 21 novembre 2019, nella zona residenziale di Via Sciuti.

Cesare Vincenti morto suicida

Dopo il terribile gesto, sul posto sono giunte un’ambulanza, una pattuglia dei Carabinieri e i militari dell’esercito. Oltre al questore Renato Cortese, al procuratore capo della Procura di Palermo Francesco Lo Voi e al medico legale.

Lunghissima la carriera nella magistratura iniziata nel 1976 e culminata nella pensione a cui aveva diritto dal 19 giugno 2019. Per diverso tempo aveva presieduto la sezione gip-gup del Tribunale di Palermo. Circa due settimane fa aveva organizzato, come prassi negli uffici giudiziari, una festa di commiato. Alla cerimonia aveva però preso parte soltanto il personale amministrativo dell’ufficio e un solo magistrato, che aveva spiegato che gli altri erano tutti impegnati.

Il caso Zamparini

Vincenti si trovava indagato insieme al figlio Andrea per corruzione e rivelazione di notizie riservate nell’ambito del caso Zamparini. L’inchiesta era nata dal sospetto che qualcuno avesse rivelato all’imprenditore, tramite l’allora presidente del Palermo Calcio Giovanni Giammarva, la pendente richiesta di arresto a suo carico avanzata dalla Procura. Questo fece sì che l’interessato si dimise dalle cariche societarie facendo venire meno le esigenze cautelari. Secondo le accuse sarebbe stato lo stesso Vincenti a far uscire dalla Procura questa notizia.