L’impianto ha erogato carburante gratis per 36 ore ma ora è caccia ai “furbetti” che non pagheranno

Nel Cilento pompa della benzina guasta e carburante free
Nel Cilento pompa della benzina guasta e carburante free

In Cilento una manna temporanea, manna illegale, fa accorrere decine di auto, si guasta un distributore di benzina e molti fanno il pieno. Secondo quanto spiegato dai media locali un impianto in territorio di Polla, nel Salernitano, ha erogato carburante gratis per 36 ore ma ora è caccia ai “furbetti” che non regolarizzeranno. Insomma, per una giornata e mezzo è stata una vera “pacchia” ma si tratta di una pacchia illegale e la caccia a chi se n’è approfittato è partita.

Si guasta un distributore di benzina, la “pacchia”

Infatti le telecamere di videosorveglianza hanno ripreso targhe e fattezze di chi aveva usato la colonnina guasta. A quel punto al titolare dell’esercizio, che ha scoperto guasto e danni dopo molte ore, ha provveduto a fare la segnalazione anche alla polizia locale. Il rischio per chi non arrivasse subito a regolarizzare la sua posizione è una denuncia per furto. Ma cosa è accaduto? Che una delle colonnine del distributore di benzina ha avuto un malfunzionamento. Pare che ad andare in tilt sia stato un misuratore.

Carburante erogato e scontrino di mancata erogazione

Quando perciò gli automobilisti hanno utilizzato quella per fare benzina il carburante veniva erogato assieme allo scontrino, ma era uno scontrino di mancata erogazione. Fanpage ha fatto un piccolo conto: “Si mettevano 30 euro di benzina ed oltre al carburante il distributore restituiva anche uno scontrino di credito pari a 30 euro, nonostante la benzina fosse stata erogata”. Poche settimane fa c’era stato un caso simile ad Eboli con danni ingenti anche in quelle circostanze, ma dopo 24 ore moltissimi automobilisti erano accorsi a regolarizzare. Meglio pagare che avere una denuncia.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli