L’imputato le mostrava filmati pedopornografici e le spiegava che quelle azioni erano normali

·1 minuto per la lettura
Padre abusava della figlioletta di 6 anni
Padre abusava della figlioletta di 6 anni

Orrore assoluto a Venezia, dove un uomo ha perpetrato abusi sessuali ripetuti sulla figlia della compagna di soli 6 anni arrivando perfino a darle una agghiacciante spiegazione di quella condotta: “Così fanno padri e figli”. L’uomo, secondo gli atti di un processo per il quale la Procura ha chiesto il massimo della pena, avrebbe costretto la bambina a vedere filmati pedopornografici sull’Ipad.

Abusi sulla figlia della compagna: l’orco che spiegava l’orrore e diceva che era normale

Poi le dava una “chiave didattica” per motivare quell’abominio: le immagini che vedeva “raffiguravano quello che fanno i bambini con i genitori“, ergo ripetere quanto lo schermo mostrava era del tutto naturale. Dopo i video l’uomo la violentava, con una “strategia” che gli è valsa la richiesta del Pm d’aula a 14 anni di reclusione.

Il racconto della vittima a sua madre ed emergono gli abusi sulla figlia della compagna

Era stata la piccola vittima a raccontare alla madre quello che avveniva sul divano di casa quando lei era assente. La madre era incinta di un terzo figlio avuto con l’imputato e spesso era in ospedale per visite di controllo. Un giorno però aveva notato delle macchie sul divano ed aveva fatto alcune domande alla figlia, sentendosi rispondere: “Non posso dirlo perché è un segreto tra me e lui”.

Le macchie sul divano e la prova video degli abusi sulla figlia della compagna

E ancora: “Non posso dirti niente”. In un secondo momento la bambina aveva ammesso che quelle macchie erano dovute a un “olio” che l’uomo usava per “rifare con lei quello che avevano visto”, poi aveva mostrato il luogo dove l’uomo teneva nascosto l’Ipad ed aveva dato avvio alla vicenda penale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli