L’incredibile tempio buddista perduto rivelato dalla siccità

tempio buddista siccità

Un tempio buddista perduto un paio di decenni fa in Thailandia si è ora sorprendentemente rivelato di nuovo a causa di una recente siccità. Generalmente, gli eventi climatici troppo abbondanti, come le precipitazioni, seppelliscono case e rendono le zone dove si abbattono praticamente inabitabili. E la siccità non è da meno, causando danni ingenti agli agricoltori e rendendo impossibile la coltivazione di colture che sostengono il Paese e, in alcuni casi, il mondo. Ma a volte accadono cose eccitanti durante questi eventi altrimenti spiacevoli.

Un esempio di questa prospettiva è accaduto di recente in Thailandia, nella provincia di Lopburi. Stando a quanto riportato dal sito thevintagenews.com, la siccità ha ridotto pericolosamente i livelli delle acque, lasciando innumerevoli pesci morti ma svelando un tempio buddista, chiamato Wat Nong Bua Yai, rimasto nascosto per 20 anni. La prima volta fu immerso due decenni fa, quando venne costruita una diga per aiutare la riservare d’acqua degli agricoltori della regione. Anche il villaggio vicino, Nong Bua, non esiste più.

tempio buddista siccità

Il tempio buddista perduto rivelato dalla siccità

La diga era in grado di contenere 960 milioni di metri cubi di acqua, utilizzata per fornire a oltre un milione di acri con l’irrigazione necessaria. La siccità lo ha ridotto a soli 3.000 acri; in precedenza forniva quattro province, ma ora procura solo il tre percento del suo normale importo. Yotin Lopnikorn era il capo del villaggio di Nong Bua. In un’intervista a Reuters News disse: “Quando ero giovane sono sempre venuto a incontrare amici nelle sculture di elefanti di fronte all’edificio principale, per suonare lì.

L’evento ha attirato migliaia di persone, dirette al sito per rendere omaggio alla scultura senza testa alta 13 piedi (circa 4 metri) del Buddha, tra cui diversi monaci buddisti.

tempio buddista siccità

Seree Supratid, direttrice del Climate Change and Disaster Center della Rangsit University, ha dichiarato che “Se non piove entro la fine di Agosto (2019) e Settembre, ci saranno ripercussioni peggiori, perché non avremo alcun approvvigionamento idrico al quadrato”. Supratid reputa che le cause della siccità sono i cambiamenti climatici e la cattiva gestione dell’acqua utilizzata per scopi agricoli.

L’area in cui si trova il tempio viene solitamente utilizzata per coltivare riso, ma le risaie sono sterili e screpolate in questi giorni. Ciò che una volta era lussureggiante e produttivo ora sembra argilla secca. Senza pioggia per ripristinare la diga della regione e nutrire le colture, la Thailandia si ritroverà in difficoltà. La produzione del cibo così centrale per la sua cucina e le sue esportazioni è seriamente a rischio.