L’industria dei videogame vale 175mld, giochi da smartphone 74mld

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 20 apr. (askanews) - Vale 175 miliardi di dollari nel 2020 l'industria mondiale dei videogame, con oltre 2,7 miliardi di giocatori attivi. E' quanto emerge dall'analisi 'Gaming&Esports' realizzata da Cross Border Growth Capital. I giochi per smartphone online hanno segnato un +13,3%, raggiungendo i 74 miliardi di ricavi. L'Asia conta il maggior numero di appassionati (1,5 miliardi), mentre l'Europa è al secondo posto con 386 milioni di giocatori. "L'industria dei videogame può generare grande valore: è un settore mutevole e in evoluzione che investitori e venture capitalist dovrebbero continuare a tenere d'occhio", sottolineano Andrea Casati e Francesco Chiarpenello di Cross Border Growth Capital.

All'interno dell'ecosistema gaming, Cross Border Growth Capital segnala l'accelerazione degli Esports (Electronic Sport), competizioni sportive basate su videogame organizzate a livello professionistico. Nel 2020 gli Esports hanno registrato 1 miliardo di ricavi - di cui 584 milioni di contenuti sponsorizzati. Secondo le previsioni il segmento crescerà fino a 1,6 miliardi di dollari entro il 2024 con un CAGR del 14,3%; l'Europa già nel 2023 raggiungerà i 670 milioni di valore con il mercato italiano che si attesterà a 40 milioni (ne vale 16 del 2020).

"Questi numeri stanno rendendo di fatto gli Esports il segmento di mercato più promettente in termini di opportunità di sponsorizzazione e promozione aziendale", sottolinea Andrea Casati. "Gli Esports - dice - hanno una potenzialità di crescita sia in tema di fatturato che di pubblico, e i ricavi per spettatore sono ancora lontanissimi da quelli degli altri settori dell'intrattenimento. Non sorprende - conclude - che l'Esport marketing sia stato citato fra le 'next big thing' e che negli ultimi anni gli Esports abbiano attirato sempre più investimenti grazie alla varietà di opportunità offerte".