L’infettivologo analizza il rapporto “paradossale” fra incremento dei casi e calo dei ricoveri

·2 minuto per la lettura
Il professor Massimo Galli
Il professor Massimo Galli

In tema di Variante Delta il professor Massimo Galli coniuga rispetto per quel che può fare a relativa serenità per quello che grazie ai vaccini non può fare più, e in un’intervista all’Eco di Bergamo lo dice chiaramente: “Il suo arrivo era quasi certo, ora servono vaccini e prudenza”. Il tema è scontato ma va analizzato comunque: i contagi non scendono più, anzi, aumentano e la variante Delta-ex indiana è diventata prevalente in Lombardia su quella Alfa-Kent-inglese già dalla prima settimana di luglio, per non contare che sta per diventarlo anche in altre regioni italiane.

Galli sulla Delta: “L’arrivo era quasi certo, per il momento non mi preoccuperei”

Perciò sul tema infettivologo dell’ospedale Sacco di Milano e docente di Malattie infettive all’Università statale ha voluto dire la sua e ha fatto chiarezza. Il sunto è che se è vero che la Delta incrementa i casi è altrettanto vero che trova il muro della vaccinazione e non spedisce la gente in terapia intensiva o al cimitero come le sue “gemelle” in un passato recente In tema di incremento dei contagi ha spiegato Galli: “E atteso, direi quasi certo che la variante Delta facesse questo. Siamo arrivati tra il 45% e il 48% di contagiati con la variante indiana in Lombardia (e anche nella Bergamasca, ndaa) e al 25% con quella inglese. Ma non mi preoccuperei per il momento, visto che abbiamo l’arma vaccinale e il quadro sanitario è gestibile, anche se il virus gira e non bisogna abbassare la guardia”.

Variante Delta, Massimo Galli: “Arrivo era quasi certo, casi in aumento ma non in maniera vertiginosa”

E il rapporto fra incremento dei casi e calo dei ricoveri? Galli è cauto ma non abdica da quel suo primo cauto ottimismo che in tema di Delta aveva già palesato tempo fa: “Per il momento il numero dei casi non è aumentato vertiginosamente e ciò è incoraggiante. Presterei maggiore attenzione al fronte ricoveri: poiché quelli che si infettano di regola sono prevalentemente giovani non vaccinati, questi di regola non finiscono negli ospedali, in Rianimazione e non alimentano fortunatamente i decessi, tranne casi eccezionali”.

Delta, Galli: “Il suo arrivo era quasi certo, ma il quadro è gestibile”

Poi la chiosa: “Quindi il quadro è gestibile, perché abbiamo già molti vaccinati tra quelli più fragili da proteggere”. E ancora, in tema della straordinaria valenza in questo senso della campagna vaccinale: “E se anche la vaccinazione non riesce ad evitare l’infezione, evita però le conseguenze peggiori. In altre parole, non stiamo vaccinando per proteggerci dall’infezione, ma per proteggerci dall’infezione grave”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli