L’infettivologo del San Martino di Genova è nettamente contrario alla possibilità di una proroga

·1 minuto per la lettura
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti

Sull’obbligo di mascherina al chiuso anche dopo la data spartiacque del prossimo primo maggio Matteo Bassetti è netto e senza fronzoli come suo solito, per lui è una prospettiva “fuori dal tempo e dalla scienza”. In buona sostanza l’infettivologo del San Martino di Genova è nettamente contrario alla possibilità di una proroga di quell’obbligo. E Bassetti li è esattamente nelle ore cruciali in cui il governo guidato da Mario Draghi sta valutando se se prorogare o meno l’obbligo di utilizzo delle mascherine negli ambienti al chiuso.

Bassetti sull’obbligo di mascherina al chiuso

Nel novero degli esperti chiamati a dare un parere sul tema Bassetti è il più polemico e lo ha fatto capire chiaramente con una serie di dichiarazioni rilasciate all’AdnKronos Salute. Per lui ed in queste circostanze la mascherina al chiuso sarebbe un dispositivo di protezione “fuori dal tempo e dalla scienza”. Ha detto Bassetti: “La mascherina deve passare da essere un obbligo ad essere un presidio utilizzato in modo appropriato quando però serve. Il compito del ministero della Salute non è obbligare le persone ad usarlo al chiuso ma ad usarlo nel modo migliore”.

“Speranza ascolta solo alcuni esperti”

“Questo dovrebbe essere l’obiettivo di un ministero della Salute moderno e che sta dalla parte dei cittadini”. E ancora: “Continuare con la politica degli obblighi nel 2022, di fronte ad una situazione diversa rispetto al 2020 e al 2021, vuol dire avere una logica anacronistica più vicina a sistemi totalitari che alle democrazie europee. Dispiace che il ministro Speranza ascolti solo alcuni esperti che gli dicono di fare come lui vuole”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli