L’infettivologo non crede minimamente all’immunità di gregge che ha già illuso Brasile, Uk ed India

·2 minuto per la lettura
Massimo Galli
Massimo Galli

Massimo Galli l’ha detta senza fronzoli ad Agorà su Raitre: “Il picco arriverà a gennaio ma quei contagi non fungeranno da vaccinazione”. Che significa? Che il già ordinario di Malattie Infettive all’Università Statale di Milano non crede affatto nell’immunità di gregge che ha già illuso Brasile, Regno Unito ed India. Ha spiegato Galli: “Mi auguro un picco di contagi entro il mese di gennaio. Da come sale, la curva non lascia fare previsioni certe”.

“I contagi non fungeranno da vaccinazione”, Massimo Galli e la diffusione di Omicron

Quindi, a corredo: “Sicuramente per un giorno o 2 avremo meno tamponi e, in percentuale, più contagiati, perché in questi giorni di festa li fa solo chi ha sintomi o contatti diretti con positivi, ma cambia poco, perché tampone o non tampone, la diffusione è un dato di fatto”.

La previsione di Galli e il discrimine chiaro: “Quei contagi non fungeranno da vaccinazione”

La previsione di Galli era stata già chiara: “Mi aspetto ancora una crescita per diversi giorni e questo credo imponga prudenza”. Galli ha poi detto la cosa più importante, che cioè lui non ritiene possibile che l’infezione funga da vaccinazione: “Non mi va giù l’idea che sta passando secondo cui Omicron è meno grave e anche se si infetta tanta gente questo farà da vaccinazione. Non è così”. E ancora: “Se ci sono moltissime persone infettate c’è anche la possibilità che il virus continui a mutare, che l’impatto con i numerosi sistemi immunitari di persone sia vaccinate che non vaccinate, possa facilitare la selezione di ulteriori mutazioni, e questo dove porta non lo so”.

Cosa insegnano Rgno Unito, Brasile ed India per Galli: che i contagi “non fungeranno da vaccinazione”

Poi la chiosa: “Se portasse al raffreddore andrebbe benone, ma il discorso di immunità di gregge non regge, come esperienze precedenti hanno dimostrato”, esperienze dall’Inghilterra al Brasile fino al recentissimo caso dell’India.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli