L’Olio ExtraVergine di Oliva: principe millenario degli alimenti salutari

(Adnkronos) - L’olio Extra Vergine d’Oliva (o, più in sintesi, olio EVO), definito da Ippocrate “il grande guaritore” e da Omero “oro liquido”, viene oggi identificato come ‘nutraceutico’ ossia alimento salutare, ‘alimento-farmaco’ o ‘pharma-food’, in ragione della sua alta digeribilità e ipoallergenicità, ma anche in ragione delle comprovate proprietà curative dei molteplici principi attivi in esso contenuti.

Sono tante le evidenze scientifiche che hanno dimostrato la straordinaria importanza dell’olio EVO per la salute dell’uomo, ciò che conferma il ruolo di primo piano che questo alimento ha sempre avuto nella Dieta Mediterranea, modello nutrizionale proposto, a metà degli anni 40, dal biologo americano Ancel Keys e ancora oggi universalmente riconosciuto.

Nella prossima puntata de Il Gusto della Salute, il team scientifico coordinato dall’immunologo Mauro Minelli, referente per il Sud Italia della Fondazione per la Medicina Personalizzata, si occuperà delle tante proprietà benefiche dell’olio extravergine d’oliva, da consumare preferibilmente a crudo per assumere al meglio antiossidanti e composti bioattivi in esso presenti, ma anche per apprezzarne appieno il gusto risultante dalla complessa interazione tra le varie sostanze contenute. Spicca tra queste l’oleocantale, principio attivo che, legandosi ad alcuni specifici recettori presenti in faringe, è responsabile di quel pizzicore pungente che si percepisce in gola ingerendo olio EVO.

Condimento con il miglior equilibrio di grassi, è l’unico olio che si ottiene mediante semplice spremitura meccanica del frutto, senza uso di solventi chimici. E’ ingrediente di tante ricette sia dolci che salate, ed è ideale per condire verdure ed insalate, per piatti a base di legumi, per zuppe e minestre a cui conferisce un tocco piccante e fruttato. Può essere anche impiegato per le marinature di pesce o carne, o per bagnare il cibo durante la cottura come avviene ad esempio con il pomodoro, del quale l’olio EVO esalta le virtù nutrizionali favorendo la disponibilità di suoi importanti composti bioattivi.

Ma l’olio extravergine d’oliva può avere delle controindicazioni? E come regolarsi con il suo consumo in caso di turbe glicemiche o insulinemiche? Va bene per chi soffre di gastrite, ulcera gastroduodenale o colite? Chi è a dieta come dovrà modularne il consumo? Quali sono i limiti da rispettare?

In collaborazione con ADNKronos, venerdì 11 novembre, alle ore 15, con il Gusto della Salute va in scena l’olio extravergine d’oliva, versatile attore di primo piano sulle tavole degli italiani.