L’opera era stata trafugata in Germania dai soldati Usa durante la seconda guerra mondiale

Laura Young con il busto acquistato per caso
Laura Young con il busto acquistato per caso

Mirabolante acquisto per una donna del Texas che compra un busto in un negozio ma è un reperto romano antico, autentico e di grandissimo valore. I media spiegano che l’opera, pagata dalla texana Laura Young solo 34,99 dollari, era stata trafugata in Germania dai soldati Usa durante la seconda guerra mondiale. E Laura invece aveva comprato quel busto in un negozio Goodwill, un brand piuttosto conosciuto nel settore della decorazione, ad Austin, in Texas. L’acquisto casuale era avvenuto nel 2018. Pare che fosse appoggiato sul pavimento, sotto un tavolo, con il cartellino del prezzo attaccato su una guancia.

Compra un busto ma è un reperto romano

E quanto recitava che si dovesse pagare quel cartellino? Una misera: 34,99 dollari. Laura aveva deciso di comprarlo e dopo qualche mese aveva scoperto che non era una statua da giardino. Si trattava infatti di un autentico busto romano della fine del I secolo a.C. o dell’inizio del I secolo d.C., di età imperiale dunque. Quel busto, si sarebbe accertato, aveva fatto parte della collezione d’arte di un re bavarese dal XIX secolo. Poi però era stato rubato durante la Seconda Guerra Mondiale.

Come è arrivata in Texas quell’opera

E perché sarebbe arrivato in Texas? La spiegazione sta nel fatto che durante il conflitto in Germania operò proprio la 36ma divisione “Texas” (reduce dalla campagna d’Italia) e non è improbabile che l’opera sia stata prelevata da un soldato americano dopo che la villa del re bavarese in Germania fu bombardata dalle forze alleate. Il busto è stato recentemente esposto al San Antonio Museum of Art e a breve sarà restituito alla Germania secondo un consolidato regolamento internazionale.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli