L’ordigno era stato dissimulato in mezzo ad un carico di aiuti umanitari distribuito a Kherson

·1 minuto per la lettura
Brutta sorpresa con il latte per una donna ucraina di Kherson
Brutta sorpresa con il latte per una donna ucraina di Kherson

Orrore ed insidie senza fine nella guerra che Mosca sta portando a Kiev, dal Regno Unito arriva la notizia lanciata dal Mirror di una donna ucraina che trova una bomba attaccata al cartone del latte. Secondo il media britannico che però non cita la fonte primaria l’ordigno sarebbe stato dissimulato in mezzo ad un carico di aiuti umanitari distribuito a Kherson. La storia purtroppo merita quanto meno la patente di verisimiglianza, a contare che in queste settimane sono state diramate molte notizie accertate da fonte primaria sul tema.

Trova una bomba attaccata al cartone del latte

Quali? Quelle per cui le truppe della Federazione Russa in ritirata “tattica” dai quadranti intorno alla capitale Kiev avrebbero letteralmente farcito il territorio di trappole esplosive, piazzandone sotto i cofani delle auto e perfino nei cestelli delle lavatrici nelle case a cui gli ucraini stavano facendo ritorno. Ad ogni modo la donna ha riferito ad un notiziario locale di essere stata fortunata a sopravvivere dopo aver aperto il contenitore del latte ed aver visto che era collegato a un ordigno esplosivo che fortunatamente non è esploso.

Avvisata del pericolo, lo aveva ignorato

Nei giorni scorsi c’erano state anche testimonianze su bombe lasciate pronte all’innesco sotto i cadaveri. Pare che la donna di Kherson abbia portato a casa il cartone del latte con la trappola esplosiva nonostante gli avvertimenti sul fatto che fosse pericoloso. Perché era stata avvertita? Perché il magazzino dove era stato stoccato il latte poi destinato ad aiuto umanitario era stato per giorni interi sotto presidio e controllo di una brigata russa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli