L’ultima stagione di “Game of Thrones” non ci ha dato il finale promesso

Leigh Blickley

Questo articolo è apparso per la prima volta Huffpost Us ed è stato tradotto da Milena Sanfilippo

Attenzione: allerta spoiler


Domenica scorsa l’inverno è arrivato ed è anche finito, proprio come le speranze e i sogni riposti nel finale di “Game of Thrones”.

Nell’episodio 6 dell’ottava stagione, “The Iron Throne”, Daenerys Targaryen viene uccisa da Jon Snow, che si ricongiunge ai Guardiani della Notte e ritrova Tormund e Ghost. Inoltre, Drogon incenerisce il trono, Bran Stark (conosciuto come Bran lo Spezzato), viene eletto re, Tyrion Lannister diventa Primo Cavaliere, Sansa è incoronata Regina del Nord e Arya salpa alla scoperta delle terre a ovest di Westeros. Tutto molto sorprendente, tenuto conto che i più hanno guardato 73 episodi del Trono aspettandosi di veder salire al potere Dany, Jon o persino Sansa.

I nostri amici Brienne di Tarth, Davos, Samwell Tarly e Bronn entrano nel consiglio ristretto di Bran insieme a Tyrion. E il caro Podrick è lo scudiero del re! Udite! Udite!

Durante la sua scialba stagione finale, la serie di HBO ha raggiunto numeri da record nell’audience, ma ha toccato i minimi storici nelle recensioni (la petizione per girare di nuovo l’intera stagione è arrivata a più di un milione di firme).

Ora che è tutto finito, i giornalisti di HuffPost Leigh Blickley, Sara Boboltz e Bill Bradley sono qui a fare la stima dei danni.

Bill Bradley: Nell’ottava stagione di “Game of Thrones” l’inverno è finalmente arrivato. Purtroppo, però, è stato l’inverno del nostro scontento.

La stagione più controversa della serie si è conclusa con quello che forse sarà ricordato come il finale più discusso di sempre. Succedono tante cose, ma le spiegazioni sono ridotte al minimo. Dany è morta, Drogon decide di rovesciare il patriarcato a partire dal trono, il concilio a Fossa del Drago decide di nominare Bran re, a lui spetta il peggior soprannome di sempre, Sansa regna sul nord indipendente ma adesso stranamente le isole di...

Continua a leggere su HuffPost