L’uomo è la vittima numero ottantadue nel centro dell’aera metropolitana di Napoli

·2 minuto per la lettura
Bilancio
Bilancio

Un padre di soli 39 anni è morto per Covid a Marano di Napoli: lascia la moglie ed un figlio e secondo i media locali è la vittima numero ottantadue nel centro dell’area metropolitana di Napoli. Il giovane padre maranese era stato ricoverato ormai da alcuni giorni in ospedale a causa del repentino aggravarsi delle sue condizioni dopo che aveva scoperto di essere positivo al coronavirus. Purtroppo quell’aggravamento è giunto al suo triste epilogo nelle ore notturne a cavallo fra il 29 agosto ed oggi, 30 agosto.

A Marano un padre è morto per covid: è la vittima numero 82 in città

Secondo i dati aggiornati e riportati dalle testate del territorio la vittima numero 82 del covid a Marano era inserita in un plafond di 80 persone che fino a 24 ore fa erano risultate positive al coronavirus in città. L’esito clinico in merito al decesso del 39enne parla di un “arresto cardiaco”. E quei dati forniscono anche indicazioni più specifiche: allo stato attuale nella città di Marano è stato vaccinato “almeno con la prima dose” poco più del 60% dei cittadini over 12.

Un padre di 39 anni è morto per covid a Marano, vaccinazioni in calo per l’effetto estate

Il dato non è catastrofico ma neanche di dato di eccellenza si tratta. Perché numeri così “bassi?”. Parrebbe che nell’ultimo mese e mezzo la campagna di vaccinazione, forse con la complicità del periodo estivo, avrebbe fatto registrare una sensibile battuta d’arresto che ha inciso non solo sulle statistiche, ma purtroppo anche sulle esistenze delle persone che si sono trovate contagiate e soprattutto su quelle che hanno sviluppato la forma severa e a volte fatale del virus. I media locali fanno sapere che il 39enne deceduto era in buona salute prima di contrarre il virus.

Padre morto per covid a Marano, la notizia ha sconvolto l’intera comunità

Sta di fatto che la notizia della sua morte è iniziata a circolare velocemente sui social, lasciando attonite le tante persone che conoscevano il 39enne e la sua famiglia. La situazione di Marano si inserisce nello spettro statistico della regione Campania e nelle iniziative che la Regione aveva annunciato pochi giorni fa per incrementare l’immunizzazione dei cittadini. Fino ad una settimana fa erano state immunizzati con doppia dose 3.250.000 campani dai 12 anni in su. La “mission” è “arrivare alla fine di ottobre con altri 2 milioni di vaccinazioni. Per ottenere ciò saranno messe in campo anche una serie di iniziative per spingere tutti a vaccinarsi, partendo dai giovani tra i 12 e i 19 anni”. In Campania sono attive unità mobili e sono stati aperti tutti i centri vaccinali “con la massima estensione territoriale”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli