L’uragano Lorenzo colpisce le Azzorre, gravi danni a causa del vento

uragano-lorenzo-azzorre

Era stato previsto qualche giorno fa ed alla fine l’uragano Lorenzo è giunto alle isole Azzorre, danneggiando gravemente le infrastrutture dell’arcipelago con i suoi venti ad oltre 150 chilometri orari. L’uragano – classificato di categoria 2 – ha percorso il suo tragitto passando ad ovest delle isole portoghesi ma riuscendo comunque a far sentire la sua presenza. I venti e le forti piogge hanno infatti sradicato alberi e linee elettriche, oltre a causare gravi danni al porto principale.

L’uragano Lorenzo colpisce le Azzorre

Stando a quanto riportato dall’agenzia locale per la protezione civile, Lorenzo è giunto nei pressi dell’arcipelago con forti piogge, raffiche di vento e onde alte diversi metri. Nonostante un indebolimento della potenza dell’uragano – che nella giornata di sabato era ancora classificato di categoria 5 – sono state proprio le onde a danneggiare gravemente il porto di Horta, situato nell’isola di Faial. Devastazione anche nelle vie interne la città, con cumuli di detriti lungo le strade principali.

In previsione dell’arrivo dell’uragano, il presidente del governo regionale Vasco Cordeiro ha deciso di chiudere in via precauzionale le scuole e numerosi edifici pubblici dell’arcipelago. Lo stesso Cordeiro ha successivamente affermato: “La situazione è eccezionale ma deve essere affrontata senza allarmismo”. Secondo le autorità ci vorranno almeno altri due giorni perché gli effetti dell’uragano possano attenuarsi.

La traiettoria dell’uragano

Il percorso dell’uragano Lorenzo ha interessato principalmente le Azzorre occidentali, abbattendosi in particolare sulle isole di Flores, Corvo, Faial, Pico, Sao Jorge, Graciosa e Terceira. Nei prossimi giorni l’uragano dovrebbe dirigersi verso l’Atlantico del nord per poi terminare la sua corsa tra giovedì e venerdì nei pressi delle Isole Britanniche dove però avrà ormai disperso gran parte della sua energia. Come affermato inoltre dal capo della protezione civile locale Carlos Neves: “Questo uragano ci colpirà con una certa gravità, ma siamo pronti”.