La Bce pronta a svelare la nuova strategia, svolta sull'inflazione e sul tapering

·2 minuto per la lettura

AGI - Dopo le indicazioni giunte dalle minute Fed, le attenzioni degli investitori sono rivolte alla Bce che oggi dovrebbe rendere noti i verbali dell'ultimo board di giugno - particolarmente monitorati dal mercato in cerca di indizi sui tempi di un eventuale tapering - oltre ai risultati di una strategy review durata 18 mesi.

Secondo il Ft, i responsabili politici dell'Eurotower hanno già concordato la loro nuova strategia da quasi due anni. Sarà annunciata oggi e probabilmente modificherà l'obiettivo dell'inflazione introducendo delle "fasce di tolleranza", affrontando anche il cambiamento climatico e i costi degli alloggi. 

I 25 membri del consiglio direttivo della banca centrale si sono riuniti ieri a Francoforte per stabilire i risultati della revisione. Non doveva essere annunciato fino a settembre, ma dopo che i politici hanno raggiunto un accordo su alcune questioni, la presidente della Bce Christine Lagarde ha cercato di accelerare e di rendere subito noti i risultati.

Quel che è certo è che ci si aspetta che la revisione della strategia porti a cambiamenti significativi nelle operazioni della BCE.

Il cambiamento più fondamentale sarà probabilmente il modo in cui definisce il suo mandato principale di "stabilità dei prezzi". Dopo anni in cui non è riuscita a portare l'inflazione al suo obiettivo, la Bce dovrebbe abbandonare il suo obiettivo di "vicino, ma sotto il 2%", che è considerato troppo opaco e implica un limite alla crescita dei prezzi. 

C'è un ampio sostegno nel consiglio per un obiettivo più diretto del 2%. È probabile che la banca centrale sottolinei che il suo nuovo obiettivo è simmetrico, quindi i policymaker saranno preoccupati tanto di superarlo quanto di essere al di sotto di esso. L'obiettivo sarà a medio termine con la flessibilità di fluttuare in entrambe le direzioni nel breve termine. Tuttavia, è improbabile che la Bce si spinga così lontano come la Federal Reserve degli Stati Uniti, che si è formalmente impegnata a lasciare che l'inflazione superi il suo obiettivo per compensare un periodo di bassa crescita dei prezzi. 

Non solo, ma la banca centrale dovrebbe annunciare piani per un cambiamento verde nella sua politica monetaria. Inclinerà il suo portafoglio di acquisto di attività e le regole di garanzia lontano dalle aziende con alte emissioni di carbonio che non hanno un piano per soddisfare l'obiettivo dell'UE di essere a zero emissioni entro il 2050.

Il cambiamento sarà probabilmente introdotto gradualmente in diversi anni perché avrà bisogno di una maggiore divulgazione da parte delle aziende e l'Ue stabilirà un sistema di classificazione verde per gli investitori, che stabilirà quali aree sono amiche del clima.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli