La California brucia ancora, anche LeBron James tra gli evacuati

C'è anche la star della Nba di basket, LeBron James, tra gli oltre cinquantamila abitanti della contea di Los Angeles costretti a lasciare le loro abitazioni per l'emergenza incendi da una settimana stanno devastando la California. The King, che l'anno scorso si è trasferito da Cleveland ai Los Angeles Lakers, insieme alla famiglia ha dovuto girare a lungo, ieri, per trovare un hotel dove trascorrere la notte.

"Prego per tutte le famiglie"

"Amico - ha scritto su Twitter ai suoi quasi 44 milioni di followers - queste fiamme a Los Angeles non sono uno scherzo. Ho dovuto lasciare la casa con la mia famiglia e sono in giro in macchina in cerca di una sistemazione. Non fortunato finora".  Dopo meno di dieci minuti, James ha twittato: "Ho trovato le stanze dove sistemarci. Notte pazzesca". "Prego per tutte le famiglie - ha aggiunto subito dopo con un altro tweet - che potrebbero essere colpite dagli incendi. Mettetevi in salvo il prima possibile". LeBron scendera' in campo domani, in casa, contro i Memphis Grizzlies. 

Stato d'emergenza in tutta la California

In tutta la la California è stato dichiarato domenica lo stato di emergenza. A circa 180 mila persone è stato ordinato di evacuare a causa dei vasti incendi che si sono sviluppati a nord di San Francisco.  Secondo la California Fire Agency, Cal Fire, i roghi, iniziati mercoledì sera, hanno già causato la distruzione di di oltre 12.000 ettari. "A nostra memoria, questa è l'evacuazione più grande della contea di Sonoma", ha affermato l'ufficio dello sceriffo su Twitter. Domenica mattina è stato annunciato l'ordine di evacuare diverse aree immediatamente a nord di Santa Rosa, città che conta circa 180 mila abitanti, successivamente la polizia ha ordinato l'evacuazione della metà settentrionale del comune. A metà giornata, il governatore della California Gavin Newsom ha dichiarato lo stato di emergenza a causa degli delle raffiche venti "senza precedenti" nell'area dell'incendio. "Stiamo implementando tutte le risorse disponibili", ha detto il governatore. 

La progressione dell'incendio da nord a sud è stata facilitata da tempo secco, umidità molto bassa (14%) e vento sostenuto, con raffiche fino a 130 km/h. Il National Meteorological Service (NWS) ha previsto venti ancora forti per tutto la domenica, prima di una pausa di lunedì. Queste condizioni climatiche hanno provocato numerosi incendi in altre aree vicino al rogo principali, tra cui, nel sud-est, a Vallejo e Crockett, una trentina di chilometri a nord di Oakland.

"Ci vorrà molto tempo" per controllare l'incendio, ha riferito all'ABC7 il responsabile tecnico della contea di Sonoma, David Rabbitt. Circa 3.000 vigili del fuoco sono stati mobilitati per combattere l'incendio, che è iniziato a nord-est di Geyserville mercoledì notte. Il fornitore di energia elettrica PG & E ha annunciato l'intenzione di interrompere l'alimentazione a 940 mila case da sabato pomeriggio in 36 contee della regione a causa delle condizioni meteorologiche estreme.