La Campania passa in arancione: i nuovi colori da lunedì

Primo Piano
·2 minuto per la lettura
(Remo Casilli/Pool via AP)
(Remo Casilli/Pool via AP)

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato le ordinanze per le nuove fasce di rischio in vigore dal 19 aprile. La Campania passa dal rosso all'arancione, mentre è rinnovata fino al 30 aprile la zona rossa per Puglia e Valle d'Aosta. Rimane in rosso anche la Sardegna. Tutte le altre regioni restano arancioni

Ci sono inoltre alcune aree che mirano alla zona gialla rafforzata dal 26 aprile, come Lazio, Umbria, Veneto, Basilicata, Abruzzo, Molise e Alto Adige.

La provincia di Trento rimane in fascia arancione, ma anticipa le decisioni del governo facendo riaprire bar e ristoranti all'aperto dalle 5 alle 18 già da lunedì 19 aprile.

VIDEO - Draghi e le riaperture: "Il governo prende un rischio"

Per quanto riguarda la Lombardia, passata in zona arancione da una settimana, le cose non cambiano nonostante il governatore Attilio Fontana abbia detto: "Dai dati arrivati da Roma la Lombardia potrebbe essere considerata da oggi zona gialla. Esistono ancora dei limiti, quindi continuiamo ad essere arancioni, ma fortunatamente i nostri dati stanno molto migliorando per cui siamo praticamente, come numeri, in zona gialla".

Stesso discorso per il Veneto, dove l'assessore alla Salute ha dichiarato: "I nostri calcoli sarebbero da scenario giallo, ma ora vale il decreto del Governo che prevede solo rosso o arancione, quindi rimarremo arancioni". 

In Puglia invece le cose migliorano, ma non abbastanza per passare dal rosso all'arancione. "I dati in Puglia sono buoni, finalmente tiro un sospiro di sollievo. Aver imposto la zona rossa è stato produttivo, in questo momento abbiamo un Rt inferiore a 1, abbiamo una incidenza sotto 250 ogni 100mila, il picco è passato", ha detto l'assessore alla Sanità regionale, Pierluigi Lopalco.

VIDEO - Covid, Fontana “Dai dati la Lombardia potrebbe essere gialla”