La cantante che oggi si cimenta come attrice ammette non non avere remore per alcuno

Elodie rifiuta etichettature politiche gratuite
Elodie rifiuta etichettature politiche gratuite

Dal “palco” privilegiato della 79ma Mostra del Cinema di Venezia dove è arrivata per il suo esordio di attrice Elodie prova a far capire una volta per tutte che lei sotto i “palchi” della politica non ci è mai andata, non con una tessera in tasca almeno, perciò dice no alle etichette politiche e rivela: “Non ho mai votato Pd”. Paladina dei diritti, certo, lottatrice nata, certissimo, tuttavia la cantante che oggi si cimenta come attrice ammette non non avere remore per alcuno e di non avere “steccati” partitici.

Elodie e la politica: “Mai votato per il Pd”

Ha detto Elodie: “Sono una cittadina e in quanto tale mi interesso di politica e credo poi che ci sia un un livello nella tutela dei diritti sotto il quale non si deve mai andare”. Poi però precisa e un po’ “spiazza” in un paese dove il preconcetto domina: “Se ci fosse un candidato di destra con idee interessanti lo voterei pure e confesso che, ad esempio, non ho mai votato Pd”. Poi la chiosa un po’ amara: “Il fatto è che tutti mi vogliono etichettare“.

“Tutti mi vogliono etichettare”

Al Lido Elodie, per la prima volta attrice in “Ti mangio il cuore” di Pippo Mezzapesa in concorso nella sezione Orizzonti alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, ha fatto ancora una volta parlare di sé. Mezzapesa più volte ha preso posizione contro la destra e Fratelli d’Italia, il partito di Giorgia Meloni, e sul l fronte dei diritti Lgbtq, di cui è da sempre sostenitrice, Elodie è stata chiara “Si sono fatti molti passi avanti. Oggi anche in terza elementare si parla di ‘fluidità’, certo è inevitabile che ci sarà sempre chi è contro“.