La Capitale vuole seguire il modella della Grande Mela

·2 minuto per la lettura
Roma: vaccino covid nelle stazioni metro
Roma: vaccino covid nelle stazioni metro

Vaccini in metro a Roma: D’Amato ha messo a punto un progetto che guarda al modello della Grande Mela, con vaccini anti Covid effettuati nelle stazioni delle metropolitane di Roma. A partire da fine estate, quindi, i cittadini potranno vaccinarsi mentre si spostano in città e prendono i mezzi pubblici.

Roma, vaccini in metro: si segue il modello della “Grande Mela”

“Roma sarà come New York, con i vaccini che si potranno fare in metropolitana” spiega l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato. Lungo i tracciati delle linee A e B della metropolitana verranno creati diversi poli vaccinali, dove medici e infermieri somministreranno le dosi, il tutto per facilitare il più possibile il passaggi successivi della campagna. Il piano partirà, al più tardi, entro l’estate, ma magari con delle forme di sperimentazione già a luglio.

Il modello di New York: di cosa si tratta

Il modello studiato è oltreoceano: si tratta di quello americano della “Grande Mela” newyorkese dove già un mese fa (circa alla metà di maggio) in otto stazioni della Subway è stato possibile vaccinarsi “al volo” utilizzando il monodose Johnson&Johnson. Si è trattato, però, di un progetto sperimentale, durato solamente tre giorni. Al contrario, quello che evrrà attuato nella Capitale, potrebbe persino diventare un modello permanente.

Roma, vaccini in metro: le stazioni coinvolte

Inizialmente, saranno coinvolte le stazioni dei principali nodi di scambio, ovvero: Ponte Mammolo e Laurentina sul tracciato della linea B, Subaugusta, Anagnina e Battistini su quello della linea A. Più avanti, magari, anche Termini, principale snodo della città e incrocio tra metro, treni, bus.

Si tratta di alcune tra le stazioni con più affluenza giornaliera, quelle in cui affluiscono anche i pendolari che vengono a lavorare nella Capitale partendo dall’hinterland.

Roma, vaccini in metro: biglietti in omaggio

Nel progetto c’è anche l’ipotesi di incentivare i passeggeri a vaccinarsi in metro offrendo in omaggio due biglietti o un carnet di ticket per le corse lungo la linea di trasporto pubblico. L’idea, che prende ispirazione sempre negli Stati Uniti, dove in regalo veniva dato un abbonamento settimanale, è piaciuta molto e nella Capitale si sta valutando se e come riproporla.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli