La capogruppo di Italia Viva alla Camera posta su Twitter la sua spiegazione del mancato accordo

Maria Elena Boschi
Maria Elena Boschi

Maria Elena Boschi sembra non avere dubbi nell’indicare la via di un terzo polo che farà a meno di Carlo Calenda e della sua torica parnter in Azione-Più Europa: “Emma Bonino dice no a Renzi perché nel 2014 non è stata confermata agli Esteri”. Semplice, netta e con un chiaro rimando ad una logica di “ripicca” personale.

Boschi: “Ecco perché Bonino dice no a Renzi”

Ecco che dunque la capogruppo di Italia Viva alla Camera posta su Twitter la sua spiegazione del mancato accordo e lo fa nelle ore cruciali in cui la formazione politica della Bonino pare aver trovato la quadra definitiva con il Partito Democratico di Enrico Letta. Ha scritto la Boschi: “Emma Bonino dice no a Matteo Renzi perché nel 2014 non è stata confermata ministro degli Esteri”.

“Meglio il terzo polo dei rancori personali”

E ancora, a suo parere: “Credo sia meglio costruire il terzo polo anziché vivere di rancori personali“. Insomma, la capogruppo di Iv alla Camera Maria Elena Boschi si inserisce a gamba tesa in una campagna elettorale che in vista delle elezioni del 25 settembre ha fatto segnare oggi, 2 agosto, un importante passo avanti per il centrosinistra ma non per Matteo Renzi. Quale? Quella per cui Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto della Vedova dopo un summit alla Camera hanno raggiunto l’accordo per un’alleanza elettorale di fatto.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli