La Casa Bianca vieta la pubblicazione del libro di John Bolton

massimo basile

La Casa Bianca ha vietato all'ex consigliere per la Sicurezza nazionale, John Bolton, di pubblicare il suo libro di memorie, perché contiene informazioni classificate, top secret. Poche ore prima lo stesso presidente americano, Donald Trump, si era lanciato in un durissimo attacco contro il suo ex advisor: "Se l'avessi ascoltato, saremmo alla Sesta Guerra Mondiale". Sullo sfondo c'è il braccio di ferro tra Democratici e Repubblicani di chiamare Bolton come testimone nel processo di impeachment.

È stata un'altra giornata tesa a Capitol Hill dove i senatori, nell'ambito del processo, hanno cominciato a porre domande all'accusa e alla difesa. In realtà la pagina decisiva del processo, ormai alle battute finali, sarà la prossima: se il 'falco' Bolton sarà chiamato a testimoniare contro il suo vecchio capo. L'ex consigliere, un tempo considerato un "falco" dell'amministrazione, è poi entrato in rotta di collisione con il presidente sulla questione Iran fino alle dimissioni, improvvise, a inizio settembre. I repubblicani vogliono chiudere con un'assoluzione di Trump già questa settimana. Ma i democratici insistono che Bolton dovrebbe testimoniare e dare una versione di prima mano delle mosse del presidente.

Si voterà venerdì sull'eventuale testimonianza di Bolton. Ma intanto il Consiglio per la sicurezza nazionale -che valuta questo come tutte i libri a firma di ex dipendenti della struttura- ha detto che il suo libro, in uscita imminente, dal titolo "The Room Where It Happened: A White House Memoir", contiene "significativa quantità di materiale classificato e top secret". Nel libro, Bolton sostiene che Trump gli disse, nell'agosto scorso, di voler legare il blocco dei fondi destinati all'Ucraina per la sicurezza all'avvio di un'indagine della procura speciale di Kiev nei confronti di Hillary Clinton e Joe Biden.



Il segretario di Stato, Mike Pompeo, e il ministro alla Difesa, Mark Esper, avrebbero tentato inutilmente di convincere Trump a sbloccare gli aiuti. Il presidente ha sempre sostenuto di non aver mai proposto uno "scambio di favori" e le testimonianze raccolte alla Camera, durante la prima fase del processo, non hanno prodotto la "pistola fumante".

Non lo sarebbe, secondo alcuni, neanche quella di Bolton, ma la testimonianza, la prima da quando ha lasciato la Casa Bianca, potrebbe obbligare i senatori ad ascoltarlo in aula. Bolton si era già reso disponibile a testimoniare alla Camera, ma la Casa Bianca aveva invocato il segreto di Stato. Ora Bolton torna alla carica con il libro. I democratici sperano che possa entrare nel processo, i repubblicani restano contrari a qualsiasi testimonianza che allunghi il dibattito.

I leader del Gop, secondo il New York Times, sono convinti di avere i numeri per bocciare la proposta su Bolton, e andare subito al voto finale per sollevare Trump dall'impeachment. Il processo potrebbe concludersi entro venerdì. In tempo perché possa presentarsi, con il discorso sullo Stato dell'Unione il 4 febbraio, ormai scagionato dalle accuse e vincente su tutta la linea.