La Castelbuono classica si sdoppia con Riondino e Le Cosmidantiche

·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 14 lug. (askanews) - La settima edizione di Castelbuono Classica si sdoppia e propone quattro grandi eventi a Palermo il 18, 25 e 27 luglio e il 4 agosto presso il Teatro Arena Villa Filippina, e una tre giorni di grande musica a Castelbuono, dall'11 al 13 agosto, anticipata da un'anteprima il 19 luglio.

Ad aprire i due cartelloni il debutto del nuovo spettacolo con David Riondino, in programma il 18 luglio alle 21.30. Uno spettacolo dedicato a Dante Alighieri nell'anno del 700esimo anniversario della morte che prende il nome di "Le Cosmidantiche", su soggetto di Gianluca Cangemi, che vedrà sul palcoscenico il poliedrico cantautore David Riondino interpretare un Dante proiettato nell'epoca moderna, accompagnato dall'Ensemble Ubertini diretto da Lorenzo Antonio Iosco, con le musiche di Marco Betta, Diana Buscemi, Alberto Maniaci, Giulia Tagliavia e Giuseppe Vaccaro.

Un viaggio nella tradizione di Dante da un punto di vista diverso dal solito. David Riondino interpreta un Dante Alighieri esoterico, intimo e spaesato, in un parallelo con la nostra società odierna, ricco di ironia e riferimenti anche a sfaccettature meno conosciute del Sommo Poeta.

Come nelle "Cosmicomiche" di Italo Calvino un pretesto scientifico iniziale porta verso l'onirico e l'immaginifico, così nelle "Cosmidantiche" il Sommo Poeta cerca di spiegarsi la situazione onirica moderna in cui si viene a trovare improvvisamente mentre sta scrivendo la Divina Commedia.

Dopo il debutto a Villa Filippina il 18 luglio, Le Cosmidantiche, si sposta a Castelbuono il 19 luglio. Lo spettacolo è interamente prodotto da Moger arte e cultura e Castelbuono Classica.

Sempre a Villa Filippina, il 25 luglio, alle 21.30, Olivia Sellerio sarà la protagonista del concerto con il quale presenterà al pubblico il suo nuovo album prende il titolo di "Zara Zabara - 12 Canzoni per Montalbano", che racchiude le canzoni composte per le serie TV con protagonista il commissario creato da Andrea Camilleri. Ancora nell'arena palermitana, il 27 luglio, alle 21.30, concerto di Nicola Piovani con il suo spettacolo "La musica è pericolosa".

A concludere gli eventi a Palermo, il 4 agosto, sempre alle 21.30, lo spettacolo "100 volte Fellini", con gli attori Giuseppe Moschella ed Emanuela Mulèche interpretano alcuni dei dialoghi tra i personaggi di Federico Fellini alternandosi con alcune delle più belle colonne sonore di Nino Rota interpretate dall'Ensemble Castelbuono Classica guidato da Salvatore Barberi.

Castelbuono Classica 2021 si sposterà poi nel centro madonita, a Castelbuono, a partire dall'11 agosto (concerti pomeridiani alle 18 e serali alle 21.15), per una tre giorni di grande musica con artisti di eccezione e la ormai consueta attenzione ai grandi protagonisti della scena internazionale provenienti dalla nostra isola. Tra i protagonisti di questa edizione Mimmo Cuticchio con lo spettacolo "A singolar tenzone!" e le musiche del compositore Giacomo Cuticchio, il trombonista di fama mondiale Massimo La Rosa, e il soprano Desirée Rancatore che chiuderà il festival la sera del 13 agosto insieme al Duo Balarm.

"Questa settima edizione per noi rappresenta la volontà di rilanciarsi, una rinascita col nostro pubblico, dopo le difficoltà della pandemia. Abbiamo avuto il coraggio di non fermarci durante il 2020 e speriamo che questo nostro impegno venga ripagato dal pubblico. Ci rilanciamo con un palinsesto di altissimo livello ed una doppia programmazione su Palermo e Castelbuono, insomma, invece di 'lasciare' abbiamo deciso di 'raddoppiare'", spiega il direttore artistico di Castelbuono Classica, Nicola Mogavero.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli