La Cei e l'incontro di Bari sul Mediterraneo: costruire ponti

Ska

Città del Vaticano, 13 feb. (askanews) - "C'è un'immagine molto efficace che Papa Francesco utilizza molto spesso quasi a denunciarne l'assenza o, meglio, a sottolinearne la necessità: il ponte. Ne ha parlato in diverse occasioni in questi anni, consegnando alla Chiesa una sorta di magistero e una visione di essere cristiani nell'oggi. Costruire ponti, più che innalzare muri è l'architettura impegnativa per costruire il futuro. Il ponte unisce, crea comunione, apre al dialogo e alla conoscenza, solidifica territori; al contrario, il muro separa, disgrega, spinge all'autoreferenzialità e alla chiusura in sé, chiude l'orizzonte. E' questa la chiave di lettura con cui guardare all'incontro di riflessione e spiritualità 'Mediterraneo, frontiera di pace' (Bari, 19-23 febbraio 2020)". Lo afferma il segretario generale della Conferenza episcopale italiana, mons. Stefano Russo.

L'evento, promosso dalla Chiesa italiana, vedrà riuniti nel capoluogo pugliese circa 60 vescovi provenienti da 20 Paesi bagnati dal Mare Nostrum. L'assemblea, unica nel suo genere, sarà conclusa domenica 23 febbraio con la celebrazione eucaristica presieduta dal Papa.(Segue)