La Cina approva la legge sulla sicurezza temuta da Hong Kong

·1 minuto per la lettura
La Cina approva la legge sulla sicurezza temuta da Hong Kong
La Cina approva la legge sulla sicurezza temuta da Hong Kong

Milano, 30 giu. (askanews) – La Cina ha approvato la controversa legge sulla sicurezza nazionale da Hong Kong, che ora teme venga usata per ledere diritti civili e politici e reprimere il dissenso. Grazie al nuovo ordinamento, che entrato in vigore senza passare dal Parlamento di Hong Kong e di cui non si conoscono tutti i dettagli, la sicurezza verrà gestita direttamente da Pechino: l’obiettivo è bloccare reati come “secessione, sovversione contro il governo centrale cinese, terrorismo e collusione con le forze straniere”.

Tutte definizioni che si teme potranno essere applicate indiscriminatamente ai manifestanti pro democrazia che per mesi sono scesi in piazza per chiedere più libertà e meno ingerenze della Cina nella politica nazionale. Attivisti che di fronte a questo colpo di mano hanno deciso di lasciare il gruppo politico che avevano fondato “Demosisto” e di scioglierlo.

“Se la mia voce non verrà ascoltata presto, spero che la comunità internazionale continuerà a parlare per Hong Kong”, ha detto Joshua Wong, uno dei leader della prtoesta e di Demosisto, “La città si trasformerà in uno stato di polizia segreta, i manifestanti ora hanno la possibilità di essere estradati in tirbunali cinesi per processi e condanne all’ergastolo”. Eventualità che non ha impedito agli attivisti di annunciare nuove proteste.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli