La Cina aumenta la produzione di carbone di un milione di tonnellate al giorno

·4 minuto per la lettura

AGI - Mentre i leader mondiali sono riuniti a Glasgow per i colloqui sul clima da più parti definiti una delle ultime possibilità per evitare la catastrofe del riscaldamento globale, la Cina annuncia di aver aumentato la produzione giornaliera di carbone di oltre un milione di tonnellate, alleviando la sua carenza di energia.

Il più grande importatore di carbone al mondo ha combattuto negli ultimi mesi con interruzioni di corrente diffuse che hanno interrotto le catene di approvvigionamento, a causa di rigorosi obiettivi di emissioni e prezzi record per il combustibile fossile. Ma la crisi è ora agli sgoccioli grazie a un aumento della produzione interna di carbone, secondo una dichiarazione della Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma, che ha affermato che la produzione media giornaliera di carbone è salita a oltre 11,5 milioni di tonnellate da metà ottobre, con un aumento di 1,1 milioni di tonnellate rispetto alla fine di settembre.

Negli ultimi mesi, diverse fabbriche cinesi sono state costrette a interrompere le operazioni a causa di interruzioni di corrente, sollevando preoccupazione per le catene di approvvigionamento globali.

I leader mondiali riuniti alla COP26 si impegneranno martedì a fermare la deforestazione entro il 2030 grazie a 16,5 miliardi di euro di finanziamenti pubblici e privati. Lo ha annunciato il governo britannico, che ospita il vertice. Secondo gli ambientalisti non è una misura sufficiente. La dichiarazione comune sara' adottata da oltre 100 Paesi che hanno l'85% delle foreste mondiali, fra cui il Brasile e il Congo. Per il premier britannico Boris Johnson l'iniziativa  fondamentale per limitare il riscaldamentio climatico a +1,5 gradi.

Tra le nazioni aderenti all'intesa anche Canada, Russia, Colombia e Indonesia, tutte con importanti tratti di foresta. Anche Stati Uniti e Cina saranno parte dell'accordo, il primo vero risultato concreto della Cop26 a Glasgow, al termine di una prima giornata interlocutoria. Il documento comune sarà annunciato oggi, durante una sessione dedicata alle foreste: sono previsti 12 miliardi di dollari di investimenti pubblici e 7 di investimenti privati.

Anche i Ceo di diverse istituzioni finanziarie, tra cui Aviva, Schroders e Axa, si stanno impegnando a porre fine agli investimenti in attività che portano alla deforestazione. "Oggi, alla COP26, i leader hanno firmato un accordo storico per proteggere e ripristinare le foreste della terra", dirà il premier britannico Boris Johnson, secondo quanto anticipato. "Questi grandi ecosistemi brulicanti - queste cattedrali della natura - sono i polmoni del nostro pianeta. Le foreste supportano le comunità, i mezzi di sussistenza e l'approvvigionamento alimentare e assorbono l'anidride carbonica che immettiamo nell'atmosfera. Sono essenziali per la nostra stessa sopravvivenza". "Con gli impegni senza precedenti di oggi, avremo la possibilità di porre fine alla lunga storia dell'umanità come conquistatore della natura e invece diventarne il custode".

Rainforest Foundation Norway ha accolto con favore l'accordo, ma ha affermato che i finanziamenti dovrebbero essere concessi solo ai paesi che mostrerannoo risultati concreti. "Questo è il più grande finanziamento mai promesso per salvare le foreste, e arriva in un momento cruciale per le foreste pluviali del mondo. I nuovi impegni hanno il potenziale per accelerare l'azione necessaria da parte sia dei governi che delle aziende. Speriamo che questo finanziamento stimolerà i cambiamenti politici necessari", ha dichiarato il segretario generale della Rainforest Foundation Norvegia Toerris Jaeger in una nota.

Un fondo da 2,6 miliardi di euro, finanziato da istituzioni finanziarie e aziende agroalimentari, per investire in programmi di coltivazione di soia che evitino la deforestazione in Sud America, è invece una delle iniziative che sarà presentata alla Cop26. Gli otto promotori dell'iniziativa - battezzata Innovative Financing for the Amazon, Cerrado and Chaco (IFACC, nella sua sigla in inglese) - sono i primi firmatari di un progetto il cui obiettivo è raggiungere i 10 miliardi di dollari (8,6 miliardi di euro).

I fondi impegnati "accelereranno il flusso di capitali agli agricoltori, in modo che si muovano verso modelli di business più sostenibili", hanno affermato in una dichiarazione congiunta i promotori del progetto. "L'impegno di nuovi fondi per sostenere il riconoscimento dei diritti delle comunita' indigene e locali sulla terra è da tempo una delle nostre richieste, quindi dobbiamo applaudirlo", ha affermato il vice-coordinatore del Coordinatore delle organizzazioni indigene a il bacino amazzonico (COICA) Tuntiak Katan. Il presidente di & Green Fund, Nanno Kleiterp, ha indicato che il suo obiettivo è "dimostrare che la produzione di beni inclusivi e sostenibili che evitano la deforestazione può essere commercialmente redditizia". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli