## La Cina fa guerra alla Nba: colpa di un tweet su Hong Kong -2-

A24/Pca

New York, 8 ott. (askanews) - Anche Tencent, che detiene i diritti per lo streaming delle partite della Nba in Cina, ha deciso di "sospendere temporaneamente" le trasmissioni; Tencent è partner della Nba dal 2009 e le due parti hanno di recente annunciato l'estensione del loro accordo fino alla stagione 2024-2025, che vale 1,5 miliardi di dollari.

In un comunicato, Silver ha scritto che "i valori di eguaglianza, rispetto e libertà di espressione hanno a lungo definito la Nba, e continueranno a farlo [...] La Nba non si metterà nella posizione di regolare quello che giocatori, dipendenti e proprietari dei team possano dire o non dire". Subito dopo il tweet di Morey, la Nba aveva preso le distanze dal manager, affermando che il suo sostegno ai manifestanti di Hong Kong "non rappresenta i Rockets o la Nba". I Rockets avrebbero preso in considerazione la possibilità di licenziare Morey nel tentativo di placare l'ira delle autorità cinesi. Sui siti di e-commerce in Cina, a partire da quello di Alibaba, i prodotti relativi alle squadra della Nba sarebbero stati momentaneamente eliminati.