La Cina lancia il primo modulo della sua nuova Stazione spaziale

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Pechino, 28 apr. (askanews) - Con il lancio del primo modulo "Tianhe-1", previsto per venerdì 29 aprile 2021 dal centro spaziale cinese di Wenchang, con un lanciatore "Lunga marcia 5B", la Cina darà ufficialmente il via all'assemblaggio della sua nuova Stazione spaziale "Tiangong 3", un laboratorio orbitante modulare da 110 metri cubi di volume abitabile.

Un risultato notevolissimo se si considerano le difficoltà degli ultimi 18 mesi legate alla pandemia di Covid-19 che ha avuto origine proprio in Cina pur non impedendo all'Agenzia spaziale cinese (Cnsa) di portare avanti tutti i suoi progetti per arrivare, senza eccessivi intoppi, al suo "appuntamento con la storia" con il lancio inaugurale del nuovo "Palazzo celeste" nell'orbita bassa terrestre (Leo - Low Earth Orbit).

La "Tiangong-3" sarà composta da diversi moduli, lanciati indipendentemente e collegati tra loro una volta in orbita. I moduli principali saranno 3 a cui, pian piano, negli anni a venire, ne verranno collegati altri, fino a un massimo di 6. Si parte, come anticipato, dal "Tianhe-1" da 50 metri cubi di volume abitabile, al quale seguiranno i moduli laboratorio "Wentian" e "Mengtian", in orbita entro la fine del 2022 a questi si aggiungerà la capsula Tianhzhou, per il rifornimento della base. Occasionalmente, in futuro, potrà attraccare alla Stazione per attività di manutenzione anche lo "Xuntian" un telescopio spaziale, simile all'Hubble.

La stazione è concepita per ospitare normalmente tre taikonauti (così vengono chiamati gli astronauti cinesi) che potranno arrivare fino a 6 per brevi periodi, durante gli avvicendamenti tra gli equipaggi che - se tutto andrà bene - potrebbero iniziare dalla fine del 2022.

Più piccola della Stazione spaziale internazionale, "Tiangong-3" avrà una massa totale di circa 66 tonnellate (100 con le navette attraccate) contro le 420 tonnellate dell'Iss e orbiterà intorno alla Terra tra i 350 e i 450 Km d'altezza, con una inclinazione di 42,5 gradi. É previsto che resti in orbita fino al 2033, con una vita operativa di almeno 10 anni.