La Cina lancia il passaporto vaccinale: è il primo Paese al mondo

Adalgisa Marrocco
·Contributor HuffPost Italia
·1 minuto per la lettura
Immagine esemplificativa (Photo: getty creative)
Immagine esemplificativa (Photo: getty creative)

La Cina lancia il passaporto vaccinale: è il primo Paese al mondo a farlo. Il certificato, digitale o cartaceo, che prova l’immunizzazione del possessore e i risultati dei test per il coronavirus che ha effettuato, è disponibile per i cittadini cinesi che lo richiederanno attraverso la piattaforma WeChat.

Lo scopo del passaporto, spiega il ministero degli Esteri di Pechino, è di “aiutare a promuovere la ripresa economica mondiale e a facilitare i viaggi oltre confine”, Al momento il documento non è obbligatorio. Il certificato contiene un codice Qr che consente alle autorità degli altri Paesi di ottenere le informazioni sanitarie dei turisti provenienti dalla Cina, spiega l’agenzia statale Xinhua. In Cina un sistema di codici Qr viene già utilizzato per regolare l’accesso ai trasporti e ad altri luoghi pubblici, tramite app che tracciano gli spostamenti dei cittadini e producono un codice “verde” se l’interessato non è stato in stretto contatto con persone infette o non ha viaggiato in zone considerate focolai.

Intanto Stati Uniti e Gran Bretagna stanno pensando a una soluzione simile e l’Ue sta lavorando a un ‘green pass’ per permettere ai propri cittadini che siano stati vaccinati di muoversi liberamente all’interno ed all’esterno dei confini europei.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.